EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Hamas potrebbe non risentire delle sanzioni imposte al gruppo

Uomini armati di Hamas
Uomini armati di Hamas Diritti d'autore Khalil Hamra/AP
Diritti d'autore Khalil Hamra/AP
Di Verónica Romano
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

La maggior parte dei finanziamenti del gruppo militante palestinese proviene da governi stranieri, ha dichiarato a Euronews un ex analista finanziario dell'antiterrorismo statunitense

PUBBLICITÀ

Nelle ultime due settimane, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha imposto due serie di sanzioni a funzionari e reti finanziarie chiave legate ad Hamas, in seguito agli attacchi del 7 ottobre contro Israele.

Le misure prendono di mira la raccolta fondi esterna del gruppo militante palestinese, che comprende il suo portafoglio di investimenti segreti. 

Secondo Jonathan Schanzer, ex analista finanziario dell'antiterrorismo presso il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, una serie di investimenti che comprendono in gran parte partecipazioni in società immobiliari diffuse principalmente nel mondo arabo e detenute da sostenitori di Hamas.

I seguaci dell'organizzazione garantiscono ad Hamas l'accesso ai fondi trasferendo i proventi delle attività commerciali al gruppo "in modi subdoli", ha spiegato Schanzer, ora vicepresidente senior per la ricerca presso la Foundation for Defense of Democracies.

We have turned a blind eye to this activity [Hamas' external funding] for more than a decade.
Jonathan Schanzer
Former counter-terrorism financial analyst at the US Treasury Department

Le sanzioni statunitensi mirano a bloccare qualsiasi tipo di transazione da e verso le aziende e gli individui identificati, per interrompere il flusso di capitali verso il gruppo terroristico designato dagli Stati Uniti e dall'UE. Quando gli Stati Uniti prendono questa decisione, altri Paesi di solito si uniscono a loro.

Ma queste sanzioni danneggiano effettivamente le risorse finanziarie di Hamas? Probabilmente no, secondo Schanzer, soprattutto a causa del notevole afflusso di fondi provenienti da altri Paesi.

Circa la metà dei finanziamenti di Hamas proviene da governi stranieri

Le fonti di reddito esterne di Hamas sono considerevoli, e le stime parlano di decine di milioni di dollari.

Tuttavia, "come percentuale del bilancio complessivo del gruppo terroristico, è molto più importante concentrarsi innanzitutto sull'Iran e sul Qatar", ha dichiarato Schanzer.

Secondo l'ex analista antiterrorismo, Hamas ha un budget annuale di circa 1 miliardo di dollari (938 milioni di euro) per governare la Striscia di Gaza e gestire il suo braccio militare.

"Circa 200 milioni di dollari provengono dall'Iran. Altri 100-200 milioni di dollari provengono dal Qatar", ha aggiunto Schanzer.

How Hamas gets funded.
How Hamas gets funded.Euronews

Si ritiene che la Turchia sia un altro forte sostenitore del gruppo palestinese, dopo l'ascesa al potere del presidente Recep Tayyip Erdoğan nel 2002.

A differenza di molti alleati della NATO e dell'UE, la Turchia non considera Hamas un'associazione terroristica e ospita membri del gruppo sul proprio territorio.

"Hamas non è un'organizzazione terroristica, è un gruppo di liberazione, un 'mujahideen' (termine arabo che indica i musulmani che combattono per conto della loro fede o comunità) che combatte per proteggere le sue terre e il suo popolo", ha detto Erdoğan ai deputati del suo partito la scorsa settimana.

La Turchia è anche la patria di alcuni dei principali leader del gruppo, nonché di aziende che operano sotto l'apparenza di imprese legittime, ma che finanziano illegalmente Hamas.

Schanzer considera la posizione di Ankara "seriamente preoccupata", in quanto il Paese fa parte della NATO e allo stesso tempo "permette che sul suo territorio avvengano finanziamenti illeciti".

PUBBLICITÀ

Il Dipartimento del Tesoro statunitense afferma che anche altri Paesi, come Iran, Qatar, Sudan e Algeria, ospitano membri chiave di Hamas, operatori e facilitatori finanziari.

"Sono lì come ospiti dei governi. Non c'è alcuno sforzo per contenerli, fermarli o arrestarli", ha detto Schanzer.

Cars and a building are destroyed after a rocket fired from Gaza hit Tel Aviv, in Israel, on 7 October 2023.
Cars and a building are destroyed after a rocket fired from Gaza hit Tel Aviv, in Israel, on 7 October 2023.Moti Milrod/AP

"Uno dei motivi per cui Hamas ha potuto compiere l'attacco [in Israele] il 7 ottobre è che gli Stati Uniti e altri alleati americani hanno permesso loro di operare in questi luoghi", ha sottolineato Schanzer.

"Abbiamo chiuso un occhio su questa attività per più di un decennio", ha aggiunto.

PUBBLICITÀ

Secondo Schanzer, nonostante dispongano della più grande infrastruttura finanziaria antiterrorismo al mondo, gli Stati Uniti dispongono ancora di risorse limitate.

D'altra parte, a volte si tratta di bilanciare le priorità.

"Negli ultimi cinque-dieci anni si è scelto di ignorare i finanziatori di Hamas negli Stati Uniti perché queste persone servivano come fonti per l'ISIS o per altre minacce dirette alla patria (...), una decisione che è saggia solo fino a un certo punto", ha detto Schanzer.

"Attentatori suicidi finanziari"

Ma le fonti di finanziamento di Hamas non finiscono qui.

PUBBLICITÀ

Oltre alle tasse che riscuote dai 2,1 milioni di abitanti di Gaza, l'organizzazione utilizza le criptovalute come metodo di raccolta fondi almeno dal 2019, secondo Elliptic, una società britannica che analizza le transazioni in valuta virtuale.

I portafogli di criptovalute collegati ad Hamas e sequestrati dalle autorità israeliane hanno ricevuto più di 40 milioni di dollari tra il 2020 e il 2023, come riportato per la prima volta dal Wall Street Journal, citando i dati della società di analisi delle criptovalute BitOK, con sede a Tel Aviv.

Anche il contrabbando di denaro, armi e altri beni gioca un ruolo importante. Le Forze di Difesa Israeliane hanno dichiarato la scorsa settimana che Hamas ha contrabbandato armi e munizioni attraverso i tunnel sotto il confine tra Egitto e Gaza in vista dell'attacco del 7 ottobre.

A Palestinian smuggler moves refrigerators through a tunnel from Egypt to the Gaza Strip, on 28 October 2010.
A Palestinian smuggler moves refrigerators through a tunnel from Egypt to the Gaza Strip, on 28 October 2010.Eyad Baba/AP

Schanzer ha ripensato al periodo trascorso al Tesoro degli Stati Uniti e ha ricordato di essersi imbattuto in quelli che venivano chiamati "kamikaze finanziari".

PUBBLICITÀ

Il termine si applica agli uomini d'affari che contraggono prestiti, presumibilmente per la loro attività imprenditoriale, ma che invece "consegnano il denaro ad Hamas e si rendono inadempienti" nel rimborso del debito, ha spiegato Schanzer.

L'ultima fonte di finanziamento che ha citato sono le organizzazioni non governative, come gli enti di beneficenza.

Il caso della Holy Land Foundation (HLF) è un esempio di successo per gli sforzi antiterrorismo degli Stati Uniti. Fondata nel 1989 e con sede in Texas, era la più grande organizzazione benefica musulmana degli Stati Uniti.

Nel dicembre 2001, gli Stati Uniti hanno designato la HLF come organizzazione terroristica, ne hanno sequestrato i beni e l'hanno fatta chiudere. Dal 1995, quando è diventato illegale fornire sostegno finanziario ad Hamas, l'organizzazione ha fornito circa 12,4 milioni di dollari in finanziamenti al gruppo, secondo il Dipartimento di Giustizia di Washington.

PUBBLICITÀ

Oltre agli Stati Uniti, Schanzer ha riconosciuto l'esistenza di organizzazioni caritatevoli legate a Hamas in Europa - in particolare nel Regno Unito - e in Sudafrica.

Per esempio, l'Interpal, o il Palestinian Relief and Development Fund, è un'organizzazione benefica con sede a Londra creata nel 1994 per aiutare i palestinesi. Nel 2003, gli Stati Uniti l'hanno designata come associazione terroristica per il presunto sostegno ad Hamas.

Tuttavia, nel 2010, dopo tre indagini da parte delle autorità britanniche, l'Alta Corte di Londra ha ritenuto diffamatorio affermare che Interpal sostenesse il gruppo militante palestinese. L'ente benefico continua quindi a operare dalla capitale britannica.

"Ci sono molte entità che sono sospettate o addirittura provate da un governo [che finanziano Hamas]. Ma lo standard di prova è diverso in altri Paesi, quindi queste reti continuano a funzionare", ha detto Schanzer.

PUBBLICITÀ
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza, l'avanzata delle truppe israeliane. Il report dell'Istituto per lo studio sulla guerra

Conflitto tra Israele e Hamas: come i mercati finanziari vedono la crisi

Champagne: vendite in calo per i dazi e la crisi economica, via libera alla raccolta ridotta