EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Perché una pila di contanti da 500 milioni di dollari è rimasta bloccata nell'aeroporto principale dell'Argentina?

Denaro bloccato
Denaro bloccato Diritti d'autore AFP
Diritti d'autore AFP
Di Doloresz Katanich
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

In Argentina si è verificata una tempesta di ritiri di dollari in vista delle elezioni presidenziali di questo fine settimana

PUBBLICITÀ

In Argentina si è verificata una valanga di ritiri di dollari prima delle elezioni presidenziali. Somme ingenti di denaro bloccato, con le banche locali innervosite, come riporta Bloomberg.

La somma pari a mezzo miliardo di dollari in contanti sono rimasti bloccati per tre giorni nell’aeroporto principale del paese, innervosendo gli istituti di credito.

Bank of America ha inviato la somma in Argentina come transazione di routine in modo che gli istituti di credito potessero sopportare l’aumento dei prelievi di dollari nel paese.

Il contante è stato spedito su aerei cargo in lotti di 1,6 milioni di dollari, ha dichiarato l'agenzia di stampa, citando persone a conoscenza della situazione.

Il dollaro è da tempo un bene rifugio e di recente, con un'inflazione che ha raggiunto il 138% a settembre, le banche hanno registrato un forte aumento dei prelievi di dollari in vista delle elezioni del 22 ottobre.

Tuttavia, il contante è rimasto bloccato nel terminal merci del principale aeroporto internazionale, poiché il 10 ottobre l'AFIP, l'autorità fiscale del Paese, ha emesso un ordine di chiusura di 72 ore, in un momento di forte ribasso del peso che ha visto il tasso di cambio del mercato nero argentino superare i 1.000 dollari.

L'aereo che trasportava il contante è rimasto a terra per un giorno a Miami a causa di problemi al terminal merci argentino, come riporta Bloomberg, citando una persona a conoscenza della questione.

Alla fine, gli ostacoli all'aeroporto di Buenos Aires non hanno causato troppi disagi alle banche, poiché le autorità hanno revocato la restrizione dopo 24 ore.

Da febbraio, quando i depositi hanno raggiunto il picco massimo, i cittadini del Paese hanno già ritirato quasi 2 miliardi di dollari (1,89 miliardi di euro).

E visto che il candidato presidenziale outsider Javier Milei - è stato il vincitore a sorpresa delle primarie di agosto, tali importazioni potrebbero continuare.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Aereo con a bordo 300 indiani bloccato in Francia: sospetto traffico di esseri umani

Ecco i 10 aeroporti più stressanti del mondo: cinque sono europei, uno è italiano

Europa, qual è l'azienda più grande del continente?