EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Irlanda: Nestlé chiude una fabbrica di latte artificiale per il calo delle nascite in Cina

Logo Nestlé
Logo Nestlé Diritti d'autore KEYSTONE / LAURENT GILLIERON
Diritti d'autore KEYSTONE / LAURENT GILLIERON
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Poiché il numero di nascite in Cina si è dimezzato dal 2018, Nestlé ha dichiarato che chiuderà lo stabilimento irlandese che produce latte artificiale destinato esclusivamente alle esportazioni asiatiche

PUBBLICITÀ

I 542 lavoratori dello stabilimento irlandese di Askeaton e della struttura di ricerca e sviluppo (R&S) della Nestlé saranno licenziati già all'inizio del 2025. 

Lo stabilimento, che opera come Wyeth Nutritionals Ireland Ltd, era stato acquisito da Nestlé nel 2012.

In una dichiarazione rilasciata mercoledì, la multinazionale svizzera ha affermato che le operazioni di R&S irlandesi saranno assorbite da uno degli altri centri con sede a Konolfingen, in Svizzera.

La produzione dello stabilimento di Askeaton sarà suddivisa tra la stessa sede svizzera e lo stabilimento Nestlé di Suzhou, nella Cina continentale.

Nel comunicato con cui ha annunciato il taglio di centinaia di posti di lavoro, la multinazionale ha ribadito che la mossa "non riflette l'eccellente contributo dato dai nostri dipendenti ad Askeaton nel corso di molti anni".

Crollo del tasso di natalità cinese

Nestlé afferma che il fabbisogno di latte artificiale in Cina e in tutta l'Asia, dove viene esportata tutta la produzione dello stabilimento di Askeaton, è in caduta libera.

Il tasso di natalità cinese per il 2022 è sceso al livello più basso dal 1949, con 9,56 milioni di bambini nati. L'anno scorso, inoltre, la popolazione cinese ha iniziato a diminuire per la prima volta da decenni.

Con 1,09 nascite per donna, il tasso di natalità cinese continua a diminuire e dal 2019 è inferiore a quello dei Paesi dell'Unione europea.

Un calo così marcato porta naturalmente a una minore domanda di latte artificiale. Ma Nestlé afferma anche che la domanda di latte in polvere prodotto localmente è in crescita: "Nel 2008, una crisi della melamina che ha colpito i produttori locali di latte per l'infanzia nella Cina continentale ha portato a un'erosione della fiducia dei consumatori nei confronti dei prodotti locali".

Da allora, gli sforzi delle autorità cinesi per ripristinare la fiducia hanno incrementato le vendite di latte in polvere prodotto localmente.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cina: cala la popolazione, per la prima volta dal 1961. Che ora sia l'India il Paese più popoloso?

Congelamento degli ovuli sponsorizzato dall'azienda: le nuove strategie per attirare le lavoratrici

Champagne: vendite in calo per i dazi e la crisi economica, via libera alla raccolta ridotta