EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

L'accordo tra Microsoft e Activision ottiene l'approvazione nel Regno Unito

Il logo di Microsoft e una scena di "Call of Duty - Modern Warfare" di Activision sono mostrati in questa foto, a New York, il 21 giugno 2023.
Il logo di Microsoft e una scena di "Call of Duty - Modern Warfare" di Activision sono mostrati in questa foto, a New York, il 21 giugno 2023. Diritti d'autore Richard Drew/AP
Diritti d'autore Richard Drew/AP
Di AP
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

L'acquisto da parte di Microsoft del produttore di videogiochi Activision Blizzard ha ottenuto l'approvazione finale da parte dell'autorità britannica di vigilanza sulla concorrenza

PUBBLICITÀ

L'acquisto da parte di Microsoft del produttore di videogiochi Activision Blizzard ha ottenuto l'approvazione finale da parte dell'autorità britannica di vigilanza sulla concorrenza, ribaltando la sua precedente decisione di bloccare l'operazione da 65 miliardi di euro e rimuovendo un ultimo ostacolo per una delle più grandi transazioni tecnologiche della storia.

La benedizione della Competition and Markets Authority (Cma) era attesa dopo che il mese scorso aveva dato l'approvazione preliminare a una proposta rinnovata di Microsoft, volta a risolvere le preoccupazioni che l'accordo avrebbe danneggiato la concorrenza e i giocatori.

La proposta segna una vittoria certa nel tentativo del produttore di Xbox di acquisire Activision, produttore del popolare franchise di giochi Call of Duty.

Le società avevano concordato di estendere la scadenza originaria di metà luglio al 18 ottobre per superare le obiezioni dell'autorità di regolamentazione britannica.

L'approvazione consente inoltre a Microsoft di evitare di pagare ad Activision una penale di 4,5 miliardi di dollari, nel caso in cui l'accordo non si concluda.

"Il nuovo accordo impedirà a Microsoft di bloccare la concorrenza nel settore del cloud gaming mentre questo mercato sta decollando, preservando prezzi e servizi competitivi per i clienti del Regno Unito", ha dichiarato venerdì l'ente di controllo in un comunicato.

Il presidente di Microsoft, Brad Smith, ha dichiarato che l'azienda è grata per la "revisione approfondita e la decisione": "Abbiamo ora superato l'ultimo ostacolo normativo per chiudere questa acquisizione, che crediamo porterà benefici ai giocatori e all'industria del gioco in tutto il mondo".

Anche l'amministratore delegato di Activision, Bobby Kotick, ha accolto con favore la notizia: "Non vediamo l'ora di entrare a far parte del team Xbox".

Missione compiuta?

Da quando l'accordo è stato annunciato nel gennaio 2022, Microsoft si è assicurata le approvazioni delle autorità antitrust di oltre 40 Paesi. 

In particolare, ha ottenuto il via libera dall'Unione europea dopo aver accettato di consentire agli utenti e alle piattaforme di cloud di trasmettere i suoi titoli in streaming senza pagare i diritti d'autore per dieci anni.

Ma l'accordo ha incontrato la resistenza delle autorità di regolamentazione britanniche e americane, che temevano avrebbe soffocato la concorrenza nel settore dei videogiochi.

Anche la rivale Sony temeva che l'accordo avrebbe limitato l'accesso dei giocatori PlayStation a Call of Duty, la serie di sparatutto militari di lunga durata di Activision.

La Federal Trade Commission degli Stati Uniti ha perso un tentativo di sospendere l'accordo in modo che il suo giudice interno potesse esaminarlo ma non si è arresa, presentando appello contro la decisione e il mese scorso ha annunciato la sua intenzione di riprendere il processo. 

Ciò indica l'intenzione dell'autorità di regolamentazione statunitense di annullare l'accordo anche dopo la sua chiusura.

Nel frattempo, l'omologa autorità britannica ha rappresentato l'ultimo grande ostacolo alla transazione: l'approvazione della Cma è arrivata dopo che Microsoft ha aggiornato la sua offerta in agosto.

PUBBLICITÀ

In base all'accordo ristrutturato, Microsoft venderà allo studio francese Ubisoft Entertainment i diritti di streaming cloud al di fuori dell'Ue e di altri tre Paesi europei, per tutti i giochi Activision attuali e nuovi rilasciati nei prossimi 15 anni.

Le autorità di regolamentazione britanniche avevano inizialmente bloccato la transazione in aprile, per il timore che Microsoft potesse escludere i titoli di Activision dall'emergente mercato del cloud gaming, dove i giocatori possono evitare di acquistare costose console e giocare in streaming sui loro tablet o telefoni.

Poi, con una mossa senza precedenti, l'autorità di vigilanza britannica ha ritardato la sua decisione finale, affermando di dover riconsiderare la questione e concordando con Microsoft di sospendere le procedure di appello.

Uno dei fattori è stata l'approvazione dell'Ue, concessa dopo che Microsoft ha promesso di concedere automaticamente in licenza i titoli Activision senza royalty alle piattaforme di gioco cloud. 

PUBBLICITÀ

Un altro "cambiamento sostanziale delle circostanze" che l'autorità di vigilanza ha detto di dover considerare, secondo i documenti del tribunale, è stato un accordo che Microsoft ha firmato con Sony per rendere Call of Duty disponibile su PlayStation per almeno dieci anni.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Londra blocca Microsoft, niente super aquisizione di Activision

Champagne: vendite in calo per i dazi e la crisi economica, via libera alla raccolta ridotta

Caos informatico: le aziende colpite dal blocco ai sistemi Microsoft