EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

I timori e le speranze dei croati dopo l'ingresso nell'Eurozona

In collaborazione con The European Commission
I timori e le speranze dei croati dopo l'ingresso nell'Eurozona
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Fanny Gauret
Pubblicato il
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Secondo l'Eurobarometro il 55% dei croati è favorevole all'adozione dell'euro, ma più dell'80% teme un aumento dei prezzi. Per Boris Vujčić, governatore della banca centrale, l'euro rafforzerà l'economia del Paese

Il 1° gennaio 2023 la Croazia è diventato il ventesimo Paese ad aderire alla zona euro. Quattro milioni di croati hanno detto addio alla kuna, la valuta locale, per adottare l'euro. Con la moneta unica, il Paese spera di rendere la sua economia più forte e più stabile e di migliorare il tenore di vita dei suoi abitanti. Il 45% dei croati aveva già un conto in euro per le spese importanti, ma ora tutti devono abituarsi alla moneta unica per gli acquisti quotidiani.

Anche se i più anziani sono affezionati alla kuna, secondo l'Eurobarometro il 55% dei croati è favorevole all'adozione dell'euro, anche se più dell'80% teme un aumento dei prezzi. Ana Knežević, présidente dell'Associazione Croata per la Protezione dei Consumatori, è preoccupata che il costo della vita aumenti, soprattutto per i più vulnerabili. "La gente non ha molti soldi da spendere - dice Knežević -. Il cibo è molto costoso, il riscaldamento e l'elettricità sono altrettanto costosi, quindi è molto difficile vivere. La Croazia è un Paese piccolo, le pensioni non sono alte, quindi potete immaginare come vivono. Il primo gennaio i prezzi di caffè e pane erano più alti rispetto a prima".

Una spinta per turismo e industria manifatturiera

Il passaggio all'euro e l'ingresso nell'area Schengen rappresentano un vantaggio significativo per settori come il turismo, che rappresenta il 24% del pil, ma anche per l'industria manifatturiera (12,1%), un settore importante per l'export della Croazia. Il gruppo Končar opera nei settori dell'energia, delle infrastrutture e dei veicoli ferroviari. L'azienda esporta più del 60% della sua produzione, di cui il 70% verso i Paesi della zona euro.

"Negli ultimi 21 anni abbiamo legato la nostra valuta, la kuna, all'euro, quindi non possiamo dire che il cambiamento sarà enorme - dice Gordan Kolan, amministratore delegato di Končar -. Ma pensiamo che il funzionamento dell'attività sarà molto più semplice perché i nostri clienti capiranno facilmente le nostre offerte".

Nel 2020 l'euro è stato utilizzato in oltre il 70% dei casi per le esportazioni di beni, mentre solo il 16% dei beni è stato scambiato in dollari americani. "Produttività, modernizzazione della produzione e digitalizzazione: per noi tutti questi settori sono molto più importanti dell'euro come valuta", dice Kolan.

Vujčić: "L'euro renderà l'economia croata più resistente"

L'adozione dell'euro sembra naturale per un paese in cui la moneta unica è già ben integrata. Il pil della Croazia è cresciuto del 6% nel 2022, ma le proiezioni sono solo dell'1% per il 2023, in parte a causa dell'elevata inflazione. Abbiamo chiesto al governatore della banca centrale croata Boris Vujčić cosa pensa del passaggio all'euro.

"Sono felice di aver portato a termine un progetto iniziato cinque anni fa - dice Vujčić -. Si tratta di un progetto che porterà maggiore resistenza all'economia. Renderà l'economia croata più attraente per gli investimenti esteri. I costi di transazione saranno più bassi. È importante anche perché siamo un Paese turistico e, in quanto Paese turistico, il 70% dei nostri turisti proviene dai Paesi della zona euro. Quindi, per molti versi, è un bene per la Croazia".

Considerata l'attuale inflazione nell'eurozona, è un buon momento per passare all'euro? "Assolutamente sì - dice Vujčić -. Penso che se avessimo potuto farlo prima, sarebbe stato meglio. Per un'economia piccola e aperta come quella croata, è particolarmente importante far parte dell'eurozona durante i periodi di crisi. Se guardiamo ad alcuni dei nostri vicini, che al momento sono membri dell'Unione europea e non dell'Eurozona, quest'anno hanno subito una forte pressione sul mercato dei cambi dopo l'aggressione all'Ucraina. Quindi, se si guarda al costo dei prestiti, questi costi sono ora compresi tra l'8% e l'11% per le imprese, e tra il 6 e il 9% per le famiglie. Mentre in Croazia non abbiamo non abbiamo riscontrato alcuna pressione sul mercato dei cambi, né abbiamo dovuto reagire con l'aumento dei tassi di interesse, come invece è avvenuto in quei Paesi. Quindi al momento vediamo già i benefici perché i mercati sapevano che saremmo entrati nell'eurozona all'inizio di quest'anno".

Ma cosa pensa Vujčić della rinuncia alla possibilità di fissare i propri tassi di interesse? "Fondamentalmente, l'ancora della nostra politica monetaria era l'ancoraggio del tasso di cambio all'euro, e così è stato negli ultimi 30 anni - dice il governatore della banca centrale -. Prima con il marco tedesco e poi con l'euro. Quando si aggancia il tasso di cambio all'euro, e se si ha un libero flusso di capitali, non si può avere una politica dei tassi d'interesse indipendente. Si tratta quindi di perdere qualcosa che non avevamo fin dall'inizio".

Quali sono le sfide per far entrare grandi quantità di denaro nell'economia croata, come ad esempio nel mercato immobiliare? "Non vediamo nulla in termini di surriscaldamento dell'economia - dice Vujčić -. Il mercato immobiliare è caldo, i prezzi stanno salendo. Credo che l'anno prossimo, con l'aumento dei tassi di interesse, assisteremo a un raffreddamento del settore immobiliare. L'unica cosa che non cambierà è la domanda estera, che si prevede aumenterà. Oggi circa il 20% degli acquisti immobiliari proviene dall'estero, diventeremo ancora più attraenti. Penso che i problemi economici strutturali che abbiamo non spariranno come per magia. Dobbiamo concentrarci sulle riforme strutturali che dobbiamo ancora fare, con l'aiuto di un ambiente economico migliore creato dall'ingresso nell'euro e nell'area Schengen".

Condividi questo articolo