EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

5G: la Francia sbarra la strada a Huawei, nei guai anche SFR e Bouygues Telecom

Tempi duri per Huawei.
Tempi duri per Huawei. Diritti d'autore Mark Schiefelbein/Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved
Diritti d'autore Mark Schiefelbein/Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved
Di Cristiano TassinariAFP - ANSA
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il Consiglio costituzionale francese ha confermato le regole "anti-Huawei" per motivi di sicurezza nazionale. L'azienda cinese, con le sue "alleate" francesi SFR e Bouygues Telecom, dovrà ora rimuovere migliaia di antenne 5G in tutta la Francia.

PUBBLICITÀ

Tecnologia 5G: la Francia sbarra la strada a Huawei.

Via libera del Consiglio costituzionale francese alle norme cosiddette "anti-Huawei",

contestate però dagli operatori francesi SFR e Bouygues Telecom. 

Questione di sicurezza nazionale

Le disposizioni dell'attuale amministrazione-Macron, ora approvate dal Consiglio costituzionale, puntano a tutelare - si legge in una nota - "gli interessi della difesa e della sicurezza nazionale, in particolare, proteggendo le reti radioelettriche mobili dai rischi di spionaggio, pirataggio e sabotaggio che potrebbero derivare dalle reti 5G".

Nei guai finiscono, però, anche SFR e Bouygues Telecom - i due operatori francesi che hanno costruito metà della loro rete mobile proprio con Huawei - e che dovranno ora ritirare migliaia di antenne Huawei 5G già installate in tutta la Francia.

Lionel Cironneau/AP
Son dolori anche per gli operatori francesi che si sono appoggiati a Huawei.Lionel Cironneau/AP

Bouygues Telecom, ad esempio, ha spiegato che dovrà rimuovere 3.000 antenne Huawei entro il 2028 in zone densamente popolate della Francia e ha vietato l'uso di antenne Huawei per il 5G a Strasburgo, Brest, Tolosa e Rennes.

La Francia non ha esplicitamente vietato le apparecchiature Huawei per lo sviluppo della futura rete mobile, ma alla fine di agosto l'Agenzia nazionale francese responsabile della sicurezza informatica (Anssi) ha imposto severe restrizioni alle autorizzazioni operative, in conformità con le disposizioni della legge del 1° agosto 2019.

Dopo Regno Unito e Svezia, ora la Francia

Tempi duri per Huawei: finita nel mirino di Trump per presunto spionaggio a favore di Pechino, l'azienda cinese ha subito rigidi divieti ed esclusioni nel Regno Unito e in Svezia. 

Dopo il Regno Unito a metà luglio, la Svezia è diventata alla fine di ottobre il secondo paese in Europa, e il primo dell'Unione europea, a vietare esplicitamente a Huawei quasi tutte le infrastrutture necessarie al funzionamento della sua rete 5G.

Alastair Grant/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Un'antenna Huawei 5G praticamente di fronte alla chiesa di St.Paul a Londra: dovrà essere rimossa.Alastair Grant/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved

Spionaggio e guerra commerciale Usa-Cina

Le accuse di spionaggio, lanciate soprattutto dall'ex inquilino della Casa Bianca, Donald Trump, sono state sistematicamente negate da Huawei, che ricorda che non è mai stata colta in mancanza di sicurezza durante i suoi 30 anni di storia, attribuendo - viceversa - l'offensiva contro di sè al desiderio degli Stati Uniti di eliminare un potente concorrente nel settore tecnologico.

Mark Schiefelbein/Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved
Sono lontani i tempi delle fiere e dei congressi, in cui troneggiava il marchio Huawei....Mark Schiefelbein/Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved

Ma Huawei resta in Francia (e in Europa)

Nonostante questi "contrattempi", Huawei ha deciso di creare proprio in Francia - entro il 2023 - un sito di produzione per le attrezzature legate alla tecnologia 5G, il suo primo stabilimento di questo tipo fuori dalla Cina.

Ciò permetterà a Huawei di avere un punto d'appoggio in Europa, nella patria dei suoi due principali competitor sul mercato delle apparecchiature di telecomunicazione; la svedese Ericsson e la finlandese Nokia, "vecchie glorie" della telefonia mobile.

L'obiettivo di Huawei è di produrre l'equivalente di un miliardo di euro di attrezzature-5G all'anno, per un mercato sempre in espansione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Caos 5G, giornata nera per volare negli Stati Uniti

Nvidia è la società con il più alto valore di Borsa al mondo

Tesla: assemblea azionisti dà ok a maxi compenso di Elon Musk da 52 miliardi di euro