Stimoli all'economia contro la Brexit. L'ipotesi della Banca d'Inghilterra

Stimoli all'economia contro la Brexit. L'ipotesi della Banca d'Inghilterra
Di Diego Giuliani
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il governatore Mark Carney: "Le previsioni economiche si sono deteriorate. Interventi forse necessari già durante l'estate". Possibile un taglio dei tassi d'interesse

PUBBLICITÀ

Forse un taglio dei tassi d’interesse già durante l’estate per contrastare gli effetti del voto sulla Brexit. A evocarlo – seppur indirettamente – nel suo secondo intervento dal referendum, è il Governatore della Banca d’Inghilterra Mark Carney, che parla di necessarie misure di stimolo per contrastare peggiorati scenari per l’economia britannica e incertezza che potrebbe pesare più a lungo del previsto.

Qui il testo integrale del suo intervento

Carney: “In my view… the economic outlook has deteriorated and some monetary policy easing will likely be required over the summer.”

— Bank of England (@bankofengland) 30 giugno 2016

“Le previsioni economiche si sono deteriorate – ha detto Carney – e alcune politiche di allentamento monetario potrebbero essere necessarie nel corso dell’estate. Il Comitato per le Politiche Monetarie farà una prima valutazione il 14 luglio e un rapporto più organico sullo stato dell’economia – corredato di più aggiornate previsioni -, seguirà ad agosto insieme al nuovo rapporto sull’inflazione. Sempre ad agosto torneremo a valutare la gamma di strumenti da impiegare per erogare gli stimoli monetari eventualmente necessari”.

Il discorso di Carney in pillole: ecco i passi salienti

Carney: “The result of the referendum is clear. Its full implications for the economy are not."

— Bank of England (@bankofengland) 30 giugno 2016

Incertezza. “Il risultato del referendum è chiaro. Le implicazioni per l’economia non lo sono affatto”.

Carney: "The question is not whether the UK will adjust but rather how quickly and how well.”

— Bank of England (@bankofengland) 30 giugno 2016

Questione di tempi, non di opportunità. “La questione non è se il Regno Unito sarà portato ad operare degli aggiustamenti, ma quanto rapidamente e quanto efficacemente”.

L’onda lunga dell’incertezza. “L’incertezza che si prevedeva resterà pronunciata con effetti sull’economia che protranno durare più a lungo del previsto”

Imperativo chiarezza (e determinazione): “Nel breve termine sono necessari piani d’intervento chiari e misure da mettere in atto con determinazione”.

Siamo flessibili e forti. “L’economia britannica è tra le più flessibili al mondo ed è in grado di gestire questo periodo di transizione”.

Effetto Carney” sui mercati: la sterlina scivola, le borse volano

The pound drops after Mark Carney says the BOE will probably have to ease policy soon https://t.co/JbxYSDD6Kcpic.twitter.com/tzwhGLvr6e

— Bloomberg (@business) 30 giugno 2016

Forte l’eco delle parole di Carney sui mercati, con la sterlina subito giù ai minimi sull’euro da due anni a questa parte. Positiva invece l’accoglienza delle principali piazze finanziarie europee, incoraggiate dai prospettati interventi in favore dell’economia britannica. Su tutte Londra, alla chiusura prossima del 2,3%, seguita da Piazza Affari all’1,57%.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Commissione taglia le previsioni di crescita dell'Ue e dell'Italia: in calo anche l'Inflazione

La Germania scalza il Giappone: è la terza economia mondiale

Come saranno i salari minimi in Europa nel 2024?