EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

"Un giorno nella vita di un rifugiato" a Davos. Oxfam: l'Europa deve fare di più

"Un giorno nella vita di un rifugiato" a Davos. Oxfam: l'Europa deve fare di più
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Una piccola finestra in una crisi umanitaria globale, l’esperienza di “Un giorno nella vita di un rifugiato”, a Davos, dà ai delegati la possibilità

PUBBLICITÀ

Una piccola finestra in una crisi umanitaria globale, l’esperienza di “Un giorno nella vita di un rifugiato”, a Davos, dà ai delegati la possibilità di provare quello che vive quotidianamente uno sfollato.
La simulazione di un’ora, con protagonisti ex rifugiati e lavoratori delle Ong nei panni di soldati e boss del campo, è organizzata dalla Fondazione Crossroads.

Secondo le Nazioni Unite, il numero di sfollati nel mondo è balzato, nel 2015, all’incredibile cifra di 59.5 milioni di persone. Gran parte dell’aumento è stato causato dal conflitto in Siria.

“Più di un milione di migranti e rifugiati sono arrivati in Europa lo scorso anno – commenta l’inviata di Euronews a Davos, Sarah Chappell – Per ora, non ci sono segnali per dire che nel 2016 ne arriveranno meno”.

Mentre crescono le divisioni tra i paesi su come gestire la crisi, il capo dell’Oxfam è convinto che l’Europa non possa tirarsi indietro.

“Penso che i paesi europei debbano essere incoraggiati a fare di più per rafforzare le proprie responsabilità internazionali verso i rifugiati e riconoscere che sono lo stessi parte del problema, alla fonte”: è il pensiero di Winnie Bynyma, direttore esecutivo Oxfam.

Dal canto suo, il presidente dell’International Crisis Group, Jean-Marie Guéhenno, non ha dubbi: la sfida che l’Europa sta affrontando è “destinata ad aggravarsi invece di migliorare”: “Credo che l’Europa debba intendere questi movimenti migratori come un qualcosa di duraturo. Per questo – secondo Guéhenno – ha bisogno di dotarsi di reali politiche strutturali, per far fronte alla crisi dei migranti e profughi, e andare oltre la logica emergenziale”.

Nonostante i numerosi campanelli di allarme, rimane da capire se l’Europa risponderà in modo rapido e coeso a questa crisi umanitaria senza precedenti, ai suoi confini.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Un giorno nella vita di un rifugiato" a Davos. Oxfam: l'Europa deve fare di più

Presidente Rep. Estonia Ilves: "La Nato ha cambiato atteggiamento verso la Russia"

Elezioni Francia, cosa cambia per l'economia se vince il Rassemblement national?