EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Germania, Scholz: gestire meglio rimpatri, scuse a Varsavia per migranti afgani lasciati al confine

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz
Il cancelliere tedesco Olaf Scholz Diritti d'autore Omar Havana/AP
Diritti d'autore Omar Havana/AP
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha incontrato martedì a Wittenberg i leader degli Stati orientali del Paese e la migrazione è stata uno dei temi più scottanti all'ordine del giorno. Berlino si è scusata con Varsavia per il caso dei migranti afgani lasciati al confine tra i due Paesi

PUBBLICITÀ

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha incontrato martedì a Wittenberg i leader dei Lander della Germania, con la migrazione come tema caldo all'ordine del giorno.

I colloqui tra i leader regionali e il cancelliere tedesco si sono concentrati sul rafforzamento delle partnership con altri Paesi, in particolare sul controllo delle frontiere. Tuttavia, la conferenza ha prodotto poco più che dichiarazioni di intenti.

Intanto Berlino si è scusata con le autorità polacche per aver riportato una famiglia di rifugiati afgani oltre il confine con la Polonia. "Il responsabile dell'ispezione della Polizia federale si è già scusato con le autorità polacche per l'irritazione causata", ha comunicato il ministero dell'Interno tedesco.

Quanto avvenuto "non corrispondeva alle procedure riconosciute per l'accoglienza e il trasferimento delle persone nei Paesi vicini", hanno confermato le autorità di entrambi gli Stati.

Lunedì sera il primo ministro polacco Donald Tusk aveva annunciato su X di voler discutere dell'incidente “inaccettabile” con il cancelliere Scholz.

Partenariati sulla migrazione per gestire i rimpatri

Rispondendo alle richieste dei leader dell'Europa orientale, Scholz ha ribadito l'obiettivo di "gestire meglio la migrazione irregolare", affermando che ci sono già state numerose "discussioni e decisioni di ampia portata".

"Vogliamo creare partenariati sulla migrazione per gestire meglio il rimpatrio di coloro che non possono rimanere qui. Questa è la sfida più grande. Per garantire che non dobbiamo gestirla da soli, dobbiamo trovare partner nel mondo che ci aiutino a raggiungere i nostri obiettivi", ha detto Scholz.

Il cancelliere tedesco ha anche difeso le politiche esistenti volte a controllare i flussi irregolari di migranti e a promuovere una migliore integrazione dei rifugiati. "Stiamo avendo successo su larga scala e continueremo in questa direzione", ha aggiunto Scholz.

I socialdemocratici di Scholz devono affrontare delle sfide dopo la delusione delle elezioni europee del 9 giugno, dove hanno ottenuto il loro risultato più basso dal secondo dopoguerra (13,9 per cento), mentre l'estrema destra Alternativa per la Germania (AfD) ha ottenuto il 15,9 per cento, nonostante le controversie in corso, tra cui i piani per le deportazioni di massa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Germania, la sicurezza nazionale è "peggiorata" avverte la ministra degli Interni Faeser

Germania, la società civile chiede la messa al bando del partito di estrema destra AfD

Germania, uomo armato in zona tifosi ad Amburgo prima di Polonia-Olanda: fermato dalla polizia