EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Accoltellamento in Australia, all'eroe francese un visto di residenza permanente

I fiori per le vittime della strage al centro commerciale in Australia
I fiori per le vittime della strage al centro commerciale in Australia Diritti d'autore Mark Baker/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Mark Baker/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Di Stefania De Michele
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

L'operaio, Damien Guerot, è stato soprannominato "Bollard Man" sui social media dopo che i filmati delle telecamere di sicurezza lo hanno mostrato in piedi, in cima a una scala mobile, intento a minacciare l'aggressore con un dissuasore di plastica

PUBBLICITÀ

"Può restare in Australia per tutto il tempo che vuole".
Il primo ministro australiano Anthony Albanese esprime la sua riconoscenza nei confronti dell'operaio edile francese che ha affrontato l'autore dell'aggressione con coltello, costata la vita a sei persone in un centro commerciale di Sydney. Anche l'aggressore è morto.

L'operaio, Damien Guerot, è stato soprannominato "Bollard Man" sui social media dopo che i filmati delle telecamere di sicurezza lo hanno mostrato in piedi, in cima a una scala mobile, intento a minacciare Joel Cauchi con un dissuasore di plastica. Cauchi è fuggito lungo la scala mobile e le persone al piano in cui si trovava Guerot si sono salvate.

Un visto permanente per il cittadino francese

Il visto di lavoro temporaneo australiano di Guerot doveva scadere a luglio, ma il primo ministro Anthony Albanese è intervenuto: "Dico a Damien Guerot, che si sta occupando delle sue richieste di visto: sei il benvenuto qui, sei il benvenuto a rimanere per tutto il tempo che vuoi. È una persona che saremmo lieti diventasse cittadino australiano, anche se questo sarebbe ovviamente una perdita per la Francia" ha aggiunto il primo ministro.

L'avvocato di Guerot, Belinda Robinson, ha dichiarato alla SBS News che il governo ha assicurato che gli sarà concesso un visto di residenza permanente in Australia.

Guerot è stato uno dei tanti elogiati per essere intervenuti nell'attacco. I funzionari hanno dichiarato che il bilancio avrebbe potuto essere molto più alto. La polizia ha detto che l'aggressore aveva come obiettivo le donne: cinque sono state uccise.

La follia di Cauchi che ha ucciso sei persone

Cauchi ha anche ferito almeno una dozzina di altre persone, tra cui un bambino di 9 mesi la cui madre è stata uccisa, prima che un agente di polizia gli sparasse.

Al cittadino francese è stato anche assicurato che il benvenuto dell'Australia non sarà ritirato se il governo di Albanese perderà le elezioni del prossimo anno. Anche il partito di opposizione vuole che rimanga in Australia.

Il leader dell'opposizione Peter Dutton ha dichiarato ai giornalisti: "Appoggio la generosa offerta di cittadinanza del primo ministro". "Vorremmo che persone di questo tipo fossero presenti nel nostro Paese".

I filmati delle telecamere di sicurezza mostrano Guerot che lancia il dissuasore contro Cauchi ma lo manca e poi brandisce una sedia di plastica mentre lo insegue.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Attacco a Sydney: identificato l'aggressore, "non era terrorismo"

Sidney, accoltellamento in Chiesa: "Estremismo religioso". Stabili le condizioni dei feriti

Sydney, attacco con coltello in una chiesa: feriti diversi fedeli e il vescovo, nessuna vittima