EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

La Grecia diventerà la "presa di corrente verde" dell'Europa grazie all'eolico?

La Grecia diventerà la "presa di corrente verde" dell'Europa grazie all'eolico?
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Hans von der Brelie
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'inviato Hans von der Brelie ha parlato con le aziende energetiche e gli operatori di rete, ma ha raccolto anche le voci critiche di chi si oppone alla costruzione di nuove centrali nel mezzo di riserve naturali

PUBBLICITÀ

Un vento nuovo soffia sulla Grecia. La produzione di energia rinnovabile sta aumentando in modo massiccio. Nuovi parchi eolici onshore stanno spuntando come funghi e nei prossimi 20 anni potrebbero essere installati circa 12 gigawatt di energia eolica offshore. La Grecia diventerà un esportatore di energia? Prima di diventare la "presa dell'energia verde" in Europa, ci sono alcuni ostacoli da superare. Il nostro inviato Hans von der Brelie ha girato il paese per saperne di più.

Ágios Geórgios è uno scoglio nel Mar Mediterraneo con numerosi impianti eolici: 23 turbine producono elettricità per oltre 40.000 famiglie sulla terraferma. La Grecia ha piani ambiziosi: Nell'ultimo anno sono state collegate alla rete elettrica 153 centrali eoliche in tutto il paese. Nei prossimi due decenni potrebbero essere costruiti altri 1150 giganteschi mulini a vento sulle isole greche o in mare aperto.

Costas Ilias lavora come responsabile operativo per Terna Energy, un'azienda che partecipa alla sfida offshore: "La nostra visione è quella di rendere l'offshore una realtà - dice Ilias - e cercare di garantire l'energia della Grecia senza alcuna minaccia dall'estero. E, naturalmente, ridurre le emissioni di CO2. Vicino alla costa abbiamo vento forte e dobbiamo approfittarne, perché è come avere l'oro".

L'Europa è in ritardo nell'attuazione della sua strategia eolica. Per invertire la tendenza di recente è stato lanciato un Piano d'azione per l'energia eolica, che prevede tempi di rilascio più rapidi per i permessi. La Banca europea per gli Investimenti offrirà garanzie di credito, e sono sono disponibili anche molte sovvenzioni dell'Ue.

La professoressa Vassiliki Kati coordina un laboratorio di ricerca all'università di Ioannina. Il suo studio sulla pianificazione dell'uso del territorio per i parchi eolici ha innescato un dibattito. I parchi eolici non dovrebbero essere costruiti nel mezzo di paesaggi naturali o in prossimità di zone ricche di specie endemiche: "In Austria solo il 12% delle centrali eoliche sono state installate in zone montane, in Grecia il 92% - dice Kati -. Questo dimostra la mancanza di pianificazione territoriale nel nostro paese".

Le energie rinnovabili hanno bisogno di enormi capacità di stoccaggio. La Grecia le sta costruendo. Circa mille persone lavoreranno al progetto idroelettrico di pompaggio di Amfilochia. L'energia eolica in eccesso viene trasformata in energia idroelettrica su richiesta. Il progetto europeo di interesse comune PCI-3.24 è cofinanziato da "Connecting Europe Facility", lo strumento dell'Ue per modernizzare le infrastrutture. 

"La capacità totale installata del nostro progetto è di 680 MW per la produzione e 730 MW per il pompaggio - dice Vangelis Vassis del team di sviluppo del progetto - mentre la capacità totale di stoccaggio è di circa 5 gigawattora". Del budget totale di 650 milioni di euro, l'Unione Europea ne ha concessi 250 milioni. E ci sono una decina di progetti simili in cantiere.

Le energie rinnovabili sono una sfida per la rete. Buone connessioni elettriche sono un prerequisito per portare l'elettricità ai consumatori ogni volta che è necessaria. La Commissione europea stima che entro la fine di questo decennio si dovranno investire fino a 600 miliardi di euro per migliorare le reti europee.

"L'eolico offshore è un elemento nuovo nel nostro piano nazionale per l'energia e il clima. Tutte queste energie rinnovabili non sono ovviamente necessarie per il consumo all'interno della Grecia - afferma Ioannis Margaris, vice presidente dell'operatore di rete greco IPTO -. La strategia prevede che la Grecia diventi un esportatore di energia verde verso l'Europa centrale, attraverso i Balcani o l'Italia. In questo modo potrà esportare il surplus di energie rinnovabili verrà creato. Per questo motivo abbiamo recentemente proposto un nuovo progetto tra Grecia e Germania che potrebbe passare attraverso il Mar Adriatico".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La sfida con l'energia eolica della Grecia nella prossima puntata di Euronews Witness

L'isola greca di Halki è il primo risultato del cosiddetto progetto Gr Eco Islands

Il Green Deal europeo è già sul viale del tramonto?