EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Bosnia: a Sarajevo la passerella con migliaia di scarpe in ricordo dell'assedio

l'installazione a Sarajevo
l'installazione a Sarajevo Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

A 32 anni dall'assedio di Sarajevo, il più lungo della storia bellica della fine del ventesimo Secolo, in migliaia hanno marciato in ricordo delle vittime. Disposte nel centro della Capitale più di undicimila scarpe per commemorare i morti

PUBBLICITÀ

A 32 anni dall'inizio dell'assedio durante la guerra in Bosnia negli anni Novanta, condotto prima dall'Esercito Popolare Jugoslavo e poi dalle forze armate della Republika Srpska (oggi parte della Bosnia ed Erzegovina), venerdì migliaia di persone hanno partecipato alla passeggiata commemorativa a Sarajevo. Più di undicimila paia di scarpe sono state disposte per le strade della Capitale in memoria dei caduti. L'assedio durò fino al febbraio 1996, quando furono firmati gli accordi di Dayton.

Disposte ordinatamente, tre paia per fila, queste scarpe ricordano gli uomini, le donne e i bambini che persero la vita durante l'assedio. Le scarpe sono state collocate lungo la passerella principale di Sarajevo come parte di un'installazione chiamata "Sentiero della memoria", sono state donate da persone del posto e faranno parte di una collezione presso il Centro commemorativo dell'assedio di Sarajevo, nella Foresta della Memoria, costruito a Hrasnicki Stan sul Monte Igman, vicino a Sarajevo.

Migliaia di abitanti sottoposti ad attacchi durante l'assedio di Sarajevo

In oltre tre anni, 350mila abitanti di Sarajevo sono stati sottoposti ad attacchi quotidiani da parte dell'esercito serbo-bosniaco e sono stati privati del regolare accesso all'elettricità, al cibo, all'acqua, alle medicine e al mondo esterno.Sopravvivevano grazie ai limitati aiuti umanitari fornite dalle Nazioni Unite, fino a bere dai pozzi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Repubblica serba di Bosnia contro la proposta all'Onu di Sarajevo: una giornata per Srebrenica

L'Ue apre i negoziati di adesione con la Bosnia-Erzegovina

Bosnia: nel fiume Drina una discarica galleggiante