Romania e Bulgaria nell'area Schengen: viaggi in aereo e nave senza il passaporto

Aeroporto
Aeroporto Diritti d'autore Andreea Alexandru/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

A partire da domenica 31 marzo i due Paesi entrano nell'aerea Schengen. Restano alcune restrizioni per i viaggi via terra. Ecco i dettagli

PUBBLICITÀ

La Bulgaria e la Romania entrano ufficialmente nell'area Schengen oggi, domenica 31 marzo, e le relative regole si applicheranno ai passeggeri che viaggiano in aereo e via mare.

In breve, se si arriva in questi Paesi in aereo o in nave e provenite da uno dei Paesi Schengen, non è necessario un visto o un passaporto per entrare nel Paese. Lo stesso vale se la destinazione è all'interno dell'area Schengen.

Entrambi i Paesi inizieranno a rilasciare i propri visti e non sarà necessario il passaporto se si viaggia verso Paesi terzi a partire da lunedì primo aprile. Il numero dei membri di Schengen sale così a 29, tra cui 25 dei 27 Stati membri dell'Unione europea.

L'area Schengen non si applica agli ingressi e alle uscite via terra

Tuttavia, per gli attraversamenti terrestri, il controllo dei passaporti è mantenuto per bulgari e rumeni. L'Austria ha imposto il veto.

Vienna era molto preoccupata per la capacità di Sofia e Bucarest di gestire l'immigrazione illegale. Entrambi i Paesi hanno promesso di rafforzare i controlli alle frontiere e di esaminare le richieste di asilo nei loro territori.

La Bulgaria e la Romania hanno aderito all'Ue nel 2007 e nel 2011 la Commissione europea ha concluso che entrambi i Paesi erano tecnicamente pronti ad aderire a Schengen. Ma non è stata presa alcuna decisione politica fino al dicembre 2023.

L'Austria è stata uno degli oppositori più accaniti: ha già imposto un veto nel 2022, insieme ai Paesi Bassi in quell'occasione. Le discussioni su una data per l'eventuale abolizione dei controlli sulle persone alle frontiere interne terrestri continueranno nel 2024.

Apertura del confine all'aeroporto di Sofia

L'adesione della Bulgaria è stata segnata da un'apertura simbolica della frontiera. L'evento si è svolto domenica al Terminal 2 dell'aeroporto di Sofia. Alla cerimonia hanno partecipato il primo ministro uscente Nikolai Denkov e i membri del governo. Durante la cerimonia, un volo in arrivo dalla Germania è stato accolto da circa duecento passeggeri che sono entrati nel Paese senza dover passare per il controllo passaporti e ognuno di loro ha ricevuto un regalo ricordo. Anche gli aeroporti romeni hanno accolto i primi viaggiatori in arrivo.

I rischi per l'apertura delle frontiere

Se da un lato si prevede che l'alleggerimento delle norme avrà un impatto positivo sul settore del turismo, dall'altro si teme per le lunghe code alle frontiere terrestri dell'Ue e per l'impatto che può avere sul commercio e sulla salute e sicurezza degli autisti.

I camionisti sono spesso bloccati in code chilometriche alle frontiere di Romania e Bulgaria. Solo il tre per cento delle merci bulgare viene trasportato per via aerea e marittima, il restante 97 per cento via terra, riporta l\'Associazione bulgara del capitale industriale (Bica).

Cos'è l'area Schengen?

L'accordo di Schengen è un accordo con cui diversi Paesi europei hanno abolito i controlli alle frontiere interne (tra i Paesi) e li hanno spostati alle frontiere esterne (con i Paesi terzi).

L'accordo, firmato nella città lussemburghese di Schengen nel 1985 e in vigore dal 1995, stabilisce un'area comune - chiamata appunto area Schengen - che copre gran parte del continente europeo.

I Paesi partecipanti applicano regole comuni per il controllo delle frontiere esterne, nonché per le questioni relative ai visti e alla cooperazione tra polizia e servizi giudiziari in materia penale.

Attualmente, a partire dal 31 marzo 2024, fanno parte dell'area Schengen i seguenti Paesi:

Austria

Belgio

Bulgaria (confine aereo e marittimo)

Croazia

PUBBLICITÀ

Danimarca

Estonia

Finlandia

Francia

Germania

PUBBLICITÀ

Grecia

Islanda

Italia

Lettonia

Liechtenstein

PUBBLICITÀ

Lituania

Lussemburgo

Malta

Norvegia

Norvegia

PUBBLICITÀ

Polonia

Portogallo

Repubblica Ceca

Repubblica Slovacca

Romania (confine aereo e marittimo)

PUBBLICITÀ

Spagna

Svezia

Svizzera

Slovenia

Ungheria

PUBBLICITÀ
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Schengen militare, in cosa consiste: le condizioni della Polonia e l'aiuto all'Ucraina

Romania e Bulgaria entreranno nello spazio Schengen: cosa cambierà per i viaggiatori

L'Austria non molla: Romania e Bulgaria ancora fuori dall'area Schengen