Putin: "Nessuna intenzione di attaccare i Paesi Nato, ma abbatteremo i loro F-16"

Un cadere davanti a un'abitazione colpita da un attacco russo a Kharkiv, in Ucraina
Un cadere davanti a un'abitazione colpita da un attacco russo a Kharkiv, in Ucraina Diritti d'autore Andrii Marienko/Copyright 2022 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Putin definisce assurde le dichiarazioni dei partner occidentali su un possibile attacco russo ai Paesi Nato. Il presidente russo però avverte: "Se fornite gli F-16 all'Ucraina, li abbatteremo"

PUBBLICITÀ

"La Russia non ha intenzione di attaccare i Paesi della Nato, né la Polonia né gli Stati baltici o la Repubblica Ceca" ha detto il presidente russo Vladimir Putin durante un incontro con il personale militare nella regione settentrionale di Tver. 

Putin ha definito "assurde" e "totalmente prive di senso" le dichiarazioni dei Paesi occidentali sulle intenzioni belliche di Mosca, ma ha aggiunto: "Se l'Occidente dovesse fornire i caccia F-16 all'Ucraina, questi saranno abbattuti dalle forze russe".

Il Cremlino sottolinea di non avere "alcuna intenzione aggressiva dei Paesi della Nato", in particolare degli Stati Uniti. Putin rimarca che la spesa per la difesa degli Usa è molto più alta di quella della Russia (circa 749 miliardi di euro contro i 72 miliardi, nel 2022).

"Con questo rapporto andiamo a combattere la Nato? È un'assurdità", ha aggiunto il presidente russo.

Attacchi di missili e droni russi

Proseguono gli attacchi russi sull'Ucraina: le forze di Mosca hanno lanciato nella notte una raffica di missili e droni sul Paese. Quasi tutti i velivoli senza equipaggio sono stati abbattuti dalle difese aeree di Kiev: secondo l'Aeronautica militare ucraina cinque missili sono però riusciti a evadere i sistemi difensivi. 

Nel pomeriggio di mercoledì 27 marzo una persona è stata uccisa e altre 19 sono rimaste ferite, fra cui anche bambini, a Kharkiv. Bombe sganciate da aerei russi hanno colpito un'area residenziale della città ucraina dove sono stati danneggiati diversi edifici e la sede di una chirurgia d'emergenza. 

Zelensky chiede di accelerare la fornitura di F-16

Dopo l'attacco russo a Kharkiv Volodymyr Zelensky ha sottolineato come "rafforzare la difesa aerea dell'Ucraina e accelerare la consegna degli F-16 all'Ucraina siano compiti vitali". 

Dalla regione di Tver, in Russia, indirettamente Putin risponde al presidente ucraino proprio sui caccia statunitensi F-16

"Naturalmente, se vengono utilizzati da aeroporti di Paesi terzi, diventano per noi un obiettivo legittimo, non importa dove si trovino", ha sottolineato Putin. Il capo del Cremlino ha poi aggiunto che, qualora i Paesi occidentali consegnino gli F-16 all'Ucraina "ciò non cambierà la situazione sul campo di battaglia. E distruggeremo gli aerei proprio come oggi distruggiamo carri armati, veicoli corazzati e altri equipaggiamenti, compresi i sistemi missilistici a lancio multiplo".

Zelensky in trincea

"Continua la costruzione di fortificazioni nella regione nord-orientale di Sumy. Ho ispezionato trincee, posti di tiro, di comando e di osservazione. Stiamo rafforzando le nostre difese. Sono grato a tutti coloro che partecipano a questo lavoro", ha scritto su X il presidente ucraino Volodymyr Zelensky postando foto e video che lo mostrano mentre cammina dentro le trincee. Il leader ucraino ha inoltre visitato gli ospedali dove si trovano i militari ucraini feriti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, il rimpasto di Zelensky: salta il capo del Consiglio di Sicurezza

Ucraina, la guerra alle porte dell'Europa: l'incognita Putin apre al ritorno della leva

Guerra in Ucraina, a Kharkiv e Zaporizhzhia ancora 200mila residenti senza elettricità