Ucraina, il rimpasto di Zelensky: salta il capo del Consiglio di Sicurezza

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky Diritti d'autore Armando Babani/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Armando Babani/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Di Stefania De Michele
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

A prendere il posto di Oleksii Danilov al Consiglio di Sicurezza ucraino è Oleksandr Lytvynenko, che ricopriva la carica di capo del Servizio di Intelligence estera dell'Ucraina

PUBBLICITÀ

La guerra rende labili le posizioni apicali in Ucraina.
Nel terzo anno di conflitto con la Russia, il presidente Volodymyr Zelensky ha sostituito uno dei più alti funzionari della sicurezza del Paese, in un rimpasto che mette in discussione i vertici ucraini.

Zelensky ha licenziato Oleksii Danilov, che ricopriva la carica di segretario del Consiglio di Sicurezza e Difesa nazionale, ringraziandolo per il suo servizio in un discorso video nella tarda serata di martedì.

A prendere il posto di Danilov è Oleksandr Lytvynenko, che ricopriva la carica di capo del Servizio di Intelligence estera dell'Ucraina. Zelensky non ha fornito alcuna ragione per la scossa e ha detto, senza fornire dettagli, che Danilov sarebbe stato "riassegnato a un'altra area".

Cosa si aspetta Zelensky dal rimpasto

"In generale, mi aspetto il rafforzamento delle capacità strategiche dello Stato di prevedere e influenzare i processi da cui dipende la sicurezza nazionale. Il rafforzamento dell'Ucraina e il rinnovamento in tutti i settori del nostro sistema statale continueranno", ha dichiarato il presidente ucraino nel suo tradizionale videomessaggio serale.

Danilov è segretario del Consiglio di Sicurezza nazionale dell'Ucraina dall'ottobre 2019.

Il Consiglio di Sicurezza nazionale è un organo di coordinamento politico, presieduto da Zelensky.

L'intelligence ucraina sarà ora guidata dal generale ed ex primo vice capo della direzione principale dell'Intelligence (GUR) Oleg Ivashchenko.

Il rimpasto segue la decisione di febbraio di Zelensky di licenziare il capo dell'esercito, Valerii Zaluzhnyi, sostituendolo con Oleksandr Syrskyi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, la guerra alle porte dell'Europa: l'incognita Putin apre al ritorno della leva

Ucraina senza munizioni: Kiev stanzia 1,4 miliardi di dollari per l'industria bellica locale

Euro 2024: Georgia e Ucraina si qualificano, vittoria ai playoff per 2-1 sull'Islanda