Gaza: "La guerra continua" dice Netanyahu ai senatori Usa, Israele stima 28mila morti nella Striscia

Soldati israeliani su un carro armato vicino al confine tra Israele e Gaza (20 marzo 2024)
Soldati israeliani su un carro armato vicino al confine tra Israele e Gaza (20 marzo 2024) Diritti d'autore Leo Correa/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Leo Correa/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Di Gabriele Barbati
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Il premier di Israele Netanyahu ha ribadito i piani d'attacco a Rafah in una videochiamata mercoledì con un gruppo di senatori Usa. "28mila vittime" a Gaza, ha detto, confermando di fatto il bilancio della guerra aggiornato finora dalle autorità palestinesi

PUBBLICITÀ

Israele continuerà la guerra a Gaza per sconfiggere Hamas, confermando indirettamente un'avanzata finale su Rafah, ha detto il primo ministro Benjamin Netanyahu in una videochiamata con un gruppo di senatori degli Stati Uniti mercoledì.

Gli Stati Uniti hanno chiesto a più riprese di fermare l'invasione nell'estremo sud della Striscia, dove ha trovato rifugio oltre la metà della sua popolazione. Una delegazione isrealiana è attesa a Washington la prossima settimana per discutere di alternative e dei piani per la popolazione civile. 

"La guerra continua" dice Netanyahu ai senatori Usa: "28mila morti a Gaza"

Nella chiamata ai senatori statunitensi Netanyahu ha riferito anche che le vittime nella Striscia finora sono 28mila, secondo uno dei legislatori che vi ha partecipato sentito dal New York Times.

Si tratta di una stima abbastanza vicina alle quasi 32mila riportate dalle autorità sanitarie palestinesi e che sembra spazzare via i dubbi nutriti da molti in passato sul tragico bilancio di questa guerra.

Il Dipartimento di Stato ha chiesto e ottenuto da Israele garanzie scritte sul fatto che non impieghi gli armamenti forniti dagli Stati Uniti per violare il diritto internazionale Gaza. 

Blinken ancora in Medio Oriente, vola in Egitto: "Tregua possibile"

Secondo il segretario di Stato Usa, Antony Blinken, la "distanza si sta riducendo" e un accordo per il cessate il fuoco tra Israele e Hamas è possibile. 

Blinken ha parlato dall'Arabia Saudita, dove è arrivato mercoledì per il suo sesto viaggio nella regione dal 7 ottobre, ed è atteso in Egitto.

Blinken ha detto alle autorità saudite che gli Usa hanno presentato al Consiglio di sicurezza dell'Onu una bozza di risoluzione per un cessate il fuoco immediato e la liberazione degli ostaggi a Gaza, e che per il futuro sostengono la creazione di uno Stato palestinese con adeguate garanzia di sicurezza per Israele.

Israele continua ad accerchiare l'ospedale Al-Shifa di Gaza City

Sul campo prosegue l'operazione militare israeliana nell'ospedale Al-Shifa di Gaza City, attaccato lunedì. L'esercito (Idf) ha fatto implodere giovedì un edificio del complesso sanitario, dove ritiene si nascondessero miliziani e comandanti di Hamas.

Dall'inizio del raid è rimasta uccisa una 90 di palestinesi, 300 sono stati interrogati e circa la metà trasferiti in Israele, ha detto ad Al-Jazeera uno dei dottori dell'ospedale.

Quanto alle ultime 24 ore, i morti nella Striscia sono un centinaio secondo le autorità sanitarie locali.

Il conflitto israelo-palestinese si è intensificato in questi cinque mesi anche in Cisgiordania. Giovedì un drone ha ucciso quattro palestinesi nel campo profughi di Nur Shams, presso Tulkarem, l'ennesimo di una serie di bombardamenti dal cielo sulle città palestinesi come non accadeva da decenni.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza: "Neonati muoiono non pesano abbastanza" dice l'Oms, decine di morti in nuovi bombardamenti

Gaza, gli Usa confermano la morte di Marwan Issa, vicecomandante delle brigate Al-Qassam

Gaza, Israele attacca e occupa l'ospedale al-Shifa