Islanda: il vulcano sputa ancora fuoco, evacuate le terme

Mezzi di soccorso lungo la strada vicino al vulcano in eruzione tra Hagafell e Stóri-Skógfell in Islanda
Mezzi di soccorso lungo la strada vicino al vulcano in eruzione tra Hagafell e Stóri-Skógfell in Islanda Diritti d'autore Marco di Marco/AP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

È la quarta volta in tre mesi che il vulcano della penisola di Reykjanes erutta. Vicino alla città di Grindavik, il vulcano ha spruzzato flussi di lava di colore arancione

PUBBLICITÀ

Verso mezzanotte, il vulcano vicino al villaggio di pescatori di Grindavik in Islanda ha eruttato di nuovo. La lava incandescente fuoriesce da una fessura lunga circa 3 chilometri aperta tra i monti Stóra-Skógfell e Hagafell. L'eruzione è stata preceduta da una serie di circa 80 piccole scosse telluriche.

È la quarta volta in tre mesi che il vulcano della penisola di Reykjanes erutta. Vicino alla città di Grindavik, il vulcano ha spruzzato flussi di lava di colore arancione che hanno acceso la notte islandese notturno.

Il geofisico Magnús Tumi Guðmundsson ha dichiarato alla radio islandese RUV che l'ultima eruzione è stata la più forte fino a oggi. Per settimane, il servizio meteorologico ha avvertito che il magma - roccia semifusa - si stava accumulando nel sottosuolo, rendendo probabile un'eruzione.

Come ha riferito RUV, diverse centinaia di persone hanno dovuto abbandonare le terme della Laguna Blu, una delle attrazioni turistiche più popolari dell'Islanda, quando il fenomeno eruttivo è cominciato.  l traffico nel vicino aeroporto di Keflavik è potuto proseguire senza ostacoli. Nel sud dell'Islanda è stato dichiarato lo stato di emergenza.

Eruzione del vulcano in Islanda, tra Hagafell e Stóri-Skógfell
Eruzione del vulcano in Islanda, tra Hagafell e Stóri-SkógfellAP/AP

Le eruzioni del vulcano, i precedenti

Il sito dell'eruzione si trova a pochi chilometri a nord-est di Grindavik, una città costiera di 3.800 abitanti a circa 50 chilometri a sud-ovest della capitale islandese Reykjavik.

Grindavik è stata evacuata a novembre quando il sistema vulcanico Svartsengi si è risvegliato dopo quasi 800 anni a causa di una serie di terremoti che hanno aperto grandi crepe nel terreno a nord della città. Alcuni residenti che erano rientrati nelle loro case hanno dovuto lasciare nuovamente la città sabato.

Il vulcano ha eruttato il 18 dicembre, facendo scorrere la lava lontano da Grindavik. Una seconda eruzione, iniziata il 14 gennaio, ha invece indirizzato la lava verso la città. Le mura di difesa, che erano state rinforzate dopo la prima eruzione, hanno fermato parte del flusso, ma diversi edifici sono stati inghiottiti dal fiume di fuoco.

Entrambe le eruzioni sono durate solo pochi giorni. Una terza eruzione ha avuto inizio l'8 febbraio. Si è placata nel giro di poche ore, ma non prima che un flusso di lava inghiottisse una conduttura e interrompesse la fornitura di calore e acqua calda a migliaia di persone.

Islanda sopra l'hotspot vulcanico

L'Islanda, che si trova sopra un hotspot vulcanico nell'Atlantico settentrionale, è regolarmente soggetta a eruzioni e ha una notevole esperienza nel gestirle. L'eruzione più devastante degli ultimi tempi è stata quella del vulcano Eyjafjallajökull nel 2010, che ha sprigionato enormi nubi di cenere nell'atmosfera e ha portato a una diffusa chiusura dello spazio aereo in Europa.

Non sono stati segnalati decessi confermati in nessuna delle recenti eruzioni, ma un lavoratore risulta disperso dopo essere caduto in una fessura aperta dal vulcano.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Islanda: si è conclusa l'eruzione del vulcano Fagradalsfjall

Islanda: la lava raggiunge i tubi della centrale geotermica, in migliaia senza riscaldamento

Islanda, spettacolo di fuoco: dormiva da 800 anni, il vulcano continua a eruttare