Il Portogallo vira a destra, tra Alleanza Democratica e Socialisti spunta Chega

Elezioni in Portogallo
Elezioni in Portogallo Diritti d'autore Armando Franca/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Armando Franca/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Alleanza Democratica si aggiudica il testa a testa ed elegge due deputati in più rispetto al Partito Socialista. Chega raddoppia i suoi rappresentanti

PUBBLICITÀ

In Portogallo una vera manciata di voti divide il centrodestra di Alleanza Democratica dal Partito Socialista alle elezioni parlamentari. Ma il Paese vira decisamente a destra: con  una percentuale di voto del 18% che gli permette di quasi raddoppiare i suoi deputati, il partito di destra di Chega è il vero ago della bilancia. Un uragano che spazza via il bipolarismo dopo l'alternanza, che ha visto i socialisti governare per 24 dei 50 anni di democrazia e i socialdemocratici (Alleanza Democratica) per 26.

Vittoria di misura di Alleanza Democratica

Alleanza Democratica mette il naso avanti ed elegge due deputati in più rispetto al Partito Socialista: 79 per la coalizione di centrodestra guidata da Luís Montenegro, 77 per i socialisti di Pedro Nunos Santos. Devono ancora essere scrutinate le sezioni estere, ma il risultato non cambierà il fatto che non esiste una maggioranza assoluta.

Partito Socialista grande sconfitto

Resta il fatto che il grande sconfitto è il Partito Socialista, che riduce della metà la sua compagine parlamentare e che il vincitore Montenegro non ha i numeri per governare, anche per il no ad alleanze con il leader di Chega!, André Ventura, espresso in campagna elettorale.

"Sembra incontrovertibile che l'Alleanza Democratica abbia vinto le elezioni e il Partito Socialista le abbia perse - ha commentato Luís Montenegro - È con grande senso di responsabilità che naturalmente chiederò al Presidente della Repubblica di comunicare la nostra disponibilità a governare con la rappresentanza che il popolo portoghese ci ha affidato".

Nonostante il risultato "di misura", Pedro Nuno Santos ha accettato la sconfitta del Partito Socialista in queste elezioni e ha promesso che non saranno presentate "mozioni di rifiuto o di fiducia" in un governo AD.

La destra anti europeista di Chega avanza

La fotografia del Portogallo all'indomani delle elezioni è quella di un Paese diviso, in tre.
La destra di Chega, anti europeista e xenofoba, ha vinto in aree tradizionalmente di sinistra, facendo capitolare dei bastioni di tradizione comunista.
André Ventura, il leader di Chega, potrebbe anche rendere ancor pià significativa la sua ascesa elettorale in caso di un piazzamento positivo al voto per il rinnovo del Parlamento europeo. Ventura fa parte del gruppo Identità e Democrazia, la famiglia politica di Salvini e Le Pen.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni in Portogallo: seggi aperti, incognita sul nuovo governo

Socialisti, Scholz: "Populisti fanno campagna elettorale contro l'Europa unita"

Portogallo: al via le consultazioni di governo, timori per la destra di Chega!