In Austria per il Grand Prix, il mondo del judo celebra la Giornata internazionale della donne

La judoka serba Marica Perisic
La judoka serba Marica Perisic Diritti d'autore Euronews
Di Andrea Barolini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Mentre nel mondo si è celebrata la Giornata internazionale della donna, a Linz, in Austria, è andato in scena il primo giorno del Grand prix di judo

PUBBLICITÀ

Primo giorno del Grand Prix di judo dell'Alta Austria, dove gli atleti gareggiano circondati da una natura incantevole. Gli occhi degli appassionati sono tutti puntati qui, per una nuova tappa del tour mondiale, il cui inizio coincide con la Giornata internazionale della donna: un'occasione per ricordare l'importanza delle lotte per la parità di genere, per il superamento dei pregiudizi e per sostenere l'inclusione in tutte le società. Il mondo del judo vuole dare il suo contributo, non solo in questa giornata, ma quotidianamente. 

Prima di ammirare i judoka, ad aprire il Grand Prix sono stati i discorsi delle autorità, in particolare del governatore dell'Alta Austria,Thomas Stelzer, del direttore generale della Federazione Internazionale di Judo, Vlad Marinescu, del presidente della Federazione austriaca di judo, Martin Poiger, e di Markus Achleitner, ministro dell'Economia e dello Sport dell'Alta Austria, che ha dato il benvenuto alla famiglia del judo nella città di Linz.

Una straordinaria performance della serba Marica PERISIC, che ha raggiunto la vittoria al golden score, le ha permesso di superare Julie BEURSKENS e di conquistare l'oro nei -57 kg. A consegnare le medaglie è stato il governatore dell'Alta Austria STELZER.

Nei -48 kg, invece, la giapponese Mitsuki KONDO ha sconfitto la connazionale Wakana INAGAKI, conquistando la sua prima medaglia nel World Judo Tour. Il direttore generale della Federazione Internazionale di Judo MARINESCU consegna le medaglie.

Nella categoria -60 kg, il campione del mondo in carica e numero uno del ranking mondiale, Francisco GARRIGOS, ha avuto la meglio sul francese Cedric REVOL. Il judoka spagnolo ha sfruttato una tecnica di lancio per un waza-ari e si è aggiudicato il titolo. Il ministro dell'Economia e dello Sport dell'Alta Austria ACHLEITNER ha consegnato le medaglie. "È la prima volta che vengo qui in Austria - ha commentato Garrigos - e tutto è stato fantastico, mi piacerebbe molto tornare l'anno prossimo".

Larissa PIMENTA e Binta NDIAYE hanno disputato la finale dei -52 kg. La brasiliana è riuscita ad ottenere un ippon ed è quindi potuta esplodere di gioia. A consegnare le medaglie è stato il tesoriere generale dell'IJF Naser AL TAMIMI. "Mi piace l'energia che c'è qui - ha spiegato l'atleta sudamericana - c'è stato un momento della finale dopo l'osae-komi in cui ho visto bambini fare il tifo per me, e questo mi ha dato tanta forza".

Il giapponese Keita HADANO ha conquistato la medaglia d'oro nei -66 kg battendo al golden score l'israeliano Baruch SHMAILOV. Il presidente dell'Associazione israeliana di judo Moshe PONTI ha consegnato le medaglie.

Ma a contribuire all'entusiasmo dei numerosi fan è stato anche un incredibile ippon di Vache ADAMYAN per quello che è stato senz'altro uno dei momenti più belli della giornata. L'appuntamento è a domani, sabato 9 marzo, per la seconda giornata del Grand Prix di Linz.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Judo, Grand Slam 2024 a Tashkent: finale d'oro in Uzbekistan

Judo, Grand Slam 2024: trionfo azzurro a Tashkent con Manuel Lombardo

Judo, Grand Slam 2024: in Uzbekistan è subito oro con l'atleta di casa Ruziev