Weber: candidatura di von der Leyen messaggio di continuità del Ppe

Manfred Weber, capogruppo del Partito Popolare Europeo, si congratula con la presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, al congresso del Ppe a Bucarest (7 marzo 2024)
Manfred Weber, capogruppo del Partito Popolare Europeo, si congratula con la presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, al congresso del Ppe a Bucarest (7 marzo 2024) Diritti d'autore Andreea Alexandru/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Andreea Alexandru/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Al congresso di Bucarest, il Partito popolare europeo ha proposto il programma per le prossime elezioni e la ricandidatura di von der Leyen alla guida del governo Ue in caso di vittoria. Euronews ha parlato con il capogruppo del partito, Manfred Weber, e con l'ex presidente della Commissione Barroso

PUBBLICITÀ

Il Partito popolare europeo (Ppe) ha lanciato un messaggio di stabilità al congresso di Bucarest, scegliendo giovedì di ricandidare Ursula von der Leyen alla presidenza della Commissione europea. 

Tra i leader politici riuniti in Romania, c'erano anche il presidente del Ppe, Manfred Weber, e l'ex presidente della Commissione Europea (2004-2014), José Manuel Barroso.

"Con la guerra in Europa, ma anche con la sfida economica a livello globale con la Cina, noi teniamo unita l'Europa. Questo è il nostro messaggio principale. Abbiamo bisogno di una leadership forte e decisa", ha detto Weber a Euronews.

Il Ppe ricandida von der Leyen per le elezioni europee

Nel programma presentato durante il congresso, il Ppe ha puntato su tre temi per riconfermarsi come il maggiore gruppo politico sovranazionale alle prossime elezioni europee di giugno.

Si tratta della difesa comune, di un approccio più severo sui migranti e della transizione verde, per quanti molti abbiano accusato la Commissione di avere annacquato il cosiddetto Green Deal, la serie di obiettivi e regole varata per contenere le emissioni inquinanti entro la fine del decennio.

Weber nega che il Green Deal sia stato influenzato dall'ondata di proteste degli agricoltori che ha attraversato l'Europa negli ultimi mesi. 

"Il Ppe lotta contro il cambiamento climatico" dice il presidente Weber

"Ho 52 anni e vi dico che per la mia generazione la lotta al cambiamento climatico è probabilmente il compito più grande, enorme e importante" ha dichiarato il politico tedesco, da quasi dieci anni al Parlamento Europeo.

"Ecco perché il nostro impegno è chiarissimo. Siamo il partito che lotta contro il cambiamento climatico" ha aggiunto.

Meno netto Barroso che, in linea con le proposte contenute nel programma del Ppe, ha accennato a un bilanciamento dell'agenda sul clima con le esigenze dell'industria e dell'agricoltura.

Barroso, serve compromesso tra transizione verde, agricoltura e industria

"Naturalmente l'Unione europea deve continuare a guidare la transizione verde" ha premesso l'ex presidente della Commissione Europea. 

"Ma senza mettere la nostra industria e la nostra agricoltura" ha spiegato "in una situazione di svantaggio competitivo nei confronti di altre parti del resto del mondo".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il Ppe spiana la strada alla rielezione di von der Leyen, nonostante alcune obiezioni

Ue, approvata la legge sul ripristino della natura: l'opposizione della destra e le proteste degli agricoltori

Agricoltori, un'altra concessione da Bruxelles: via l'obbligo di lasciare a riposo il 4% dei terreni