Primarie Usa, Super Tuesday: dopo il trionfo di Trump, Haley annuncia il ritiro

Un manifesto elettorale delle primarie repubblicane
Un manifesto elettorale delle primarie repubblicane Diritti d'autore Rick Bowmer/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Rick Bowmer/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Lo spoglio dei voti che volge al termine sancisce la vittoria schiacciante di Trump al Super Tuesday. Quattordici Stati all'ex presidente, uno a Haley che annuncia il ritiro dalla corsa alla Casa Bianca. Le primarie democratiche confermano Biden

PUBBLICITÀ

Il Super Tuesday ha quasi messo la parola fine sulle primarie statunitensi, evidenziando le vittorie nette di Donald Trump nelle file repubblicane e di Joe Biden tra i democratici. La sconfitta ha portato la principale sfidante del tycoon Nikki Haley a ritirasi dalla corsa alla nomination repubblicana. 

Donald Trump ha trionfato in ben 14 Stati dei 15 in palio nelle primarie repubblicane questo martedì: Alabama, Alaska, Arkansas, California, Colorado, Maine, Massachusetts, Minnesota, North Carolina, Oklahoma, Tennessee, Texas, Utah e Virginia. Un successo che consolida la certezza della sua nomina come candidato repubblicano alle presidenziali di novembre.

Nikki Haley ha conquistato il Vermont, ostacolando così lo "strike" di Trump. Il Vermont rappresenta il secondo successo della candidata repubblicana dopo quello nel distretto della capitale Washington D. C., segnalando la sua capacità di attirare elettori moderati o indipendenti.

Joe Biden stravince il Super Tuesday democratico

Passando sul fronte democratico Joe Biden ha ottenuto una serie di vittorie, conquistando la nomination in Iowa, dove si votava per corrispondenza, e in tutti i 14 Stati in cui si è votato martedì. Tra questi, figurano Alabama, Arkansas, California, Colorado, Maine, Massachusetts, Minnesota, North Carolina, Oklahoma, Tennessee, Texas, Utah, Vermont e Virginia.

Entrambi i candidati, Trump e Biden, consolidano le proprie posizioni, assicurandosi una considerevole fetta dei delegati in palio, che rappresentano circa un terzo di quelli complessivi. I due leader si aggiudicano anche gli Stati che offrono il bottino di delegati più ricco, ottenendo consensi particolarmente significativi in California e Texas, gli Stati più popolosi degli Usa.

Il victory speech di Trump dopo il Super tuesday

Nel suo victory speech a Mar-a-Lago, Donald Trump ha esultato per il risultato dichiarando: "Abbiamo fatto una cosa che nessuno aveva fatto prima nella storia". Ha poi accusato Biden di essere "il peggior presidente di sempre" e ha invocato un rapido ritorno all'unità del Partito Repubblicano.

In risposta alle affermazioni di Trump, Biden ha rilasciato una dichiarazione attraverso la sua campagna: "Trump è determinato a distruggere la nostra democrazia". Il presidente ha criticato il tycoon per la sua politica fiscale e il suo atteggiamento verso le libertà fondamentali.

Nikki Haley: "L'unità non si raggiunge a parole"

Nikki Haley ha replicato indirettamente alle richieste di unità del Partito Repubblicano, affermando che "l'unità non si raggiunge dicendo semplicemente 'siamo uniti'". Ricordando che resta un ampio gruppo di elettori repubblicani profondamente preoccupati da Trump, la candidata ha affermato che "affrontare queste preoccupazioni renderà il partito e l'America migliori".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Primarie Usa, attesa per il Super tuesday: dove si vota e cosa aspettarsi

Stati Uniti: l'avanzata di Joe Biden alle primare dem

Usa 2020: Elizabeth Warren si ritira dalla corsa nelle primarie Democratiche