Mar Rosso, nuovi attacchi degli Houthi a navi da guerra e a una petroliera Usa

Escalation nel Mar Rosso: gli Houthi prendono di mira le navi, risposta di Usa e Gb
Escalation nel Mar Rosso: gli Houthi prendono di mira le navi, risposta di Usa e Gb Diritti d'autore Cpl Tim Laurence/UK MOD © Crown copyright 2024
Di Stefania De Michele
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'attacco degli Houthi segue l'offensiva di Stati Uniti e Regno Unito in Yemen dove sabato sono stati colpiti 18 obiettivi riconducibili ai ribelli yemeniti

PUBBLICITÀ

Stati Uniti e Regno Unito colpiscono in Yemen, gli Houthi rispondono con missili e droni nel Mar Rosso. La declinazione contemporanea della legge del taglione porta a un'escalation degli scontri.

La marina yemenita, sotto il controllo degli Houthi, ha dichiarato che un'operazione militare ha preso di mira la petroliera americana Torm Thor, che si trova nel Golfo di Aden, oltre ad alcune navi da guerra Usa nel Mar Rosso. È quanto riporta Al-Masirah, organo di informazione che fa capo al movimento sciita yemenita, alleato di Hamas e finanziato dall’Iran. "Gli attacchi sono la risposta all'aggressione contro il nostro Paese e contro il popolo palestinese", si legge nel comunicato.

Botta e risposta tra Usa e Gb da una parte e ribelli Houthi dall'altra

L'attacco degli Houthi segue l'offensiva di Stati Uniti e Regno Unito in Yemen dove sabato sono stati colpiti 18 obiettivi sensibili. Anche in questo caso una spirale ritorsiva, innescata dagli attacchi da parte dei ribelli sponsorizzati da Teheran contro navi nel Mar Rosso e nel Golfo di Aden, La scorsa settimana un missile lanciato dagli Houthi ha centrato una nave da carico.

Secondo i funzionari statunitensi, nelle ore precedenti la risposta degli Houthi, i jet da combattimento Usa e britannici hanno colpito siti in otto località, prendendo di mira missili, lanciatori, razzi, droni e sistemi di difesa aerea. È la quarta volta che i militari statunitensi e britannici conducono un'operazione congiunta contro gli Houthi dal 12 gennaio.

La portaerei Eisenhower nel Mar Rosso

Ma gli Stati Uniti hanno anche effettuato attacchi quasi quotidiani per eliminare gli obiettivi dei miliziani, compresi i missili in arrivo e i droni puntati sulle navi, così come le armi preparate per il lancio. I caccia F/A-18 statunitensi hanno lanciato dalla portaerei USS Dwight D. Eisenhower, che si trova attualmente nel Mar Rosso, hanno dichiarato gli ufficiali.

In un comunicato, Stati Uniti, Regno Unito e altri alleati hanno dichiarato che gli attacchi "necessari e proporzionati hanno preso di mira 18 obiettivi Houthi in 8 località dello Yemen", tra cui anche depositi sotterranei, radar e un elicottero. Gli attacchi hanno il sostegno di una coalizione più ampia, che comprende Australia, Bahrein, Canada, Danimarca, Paesi Bassi e Nuova Zelanda.

Chi sono gli Houthi

Gli Houthi sono un gruppo di miliziani che si è costituito negli anni '90 nello Yemen del nord e rappresentano un ramo dell'Islam sciita. Il movimento è nato in contrapposizione all'influenza sia politica che religiosa dell'Arabia Saudita, Paese sunnita, in Yemen. Gli Houthi controllano il Mar Rosso e sono sostenuti dall'Iran, che fornisce loro armi e risorse finanziarie.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Ue lancia la missione Aspides: proteggere le navi del Mar Rosso dagli Houthi

Mar Rosso, l'Italia al comando della missione difensiva Ue: "Non attaccheremo gli Houthi"

Nuovo attacco degli Stati Uniti contro gli Houthi, i ribelli: "Navi di Cina e Russia sicure"