EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Georgia, sequestrati esplosivi in transito dall'Ucraina alla Russia

Gli ordigni esplosivi sequestrati in Georgia all'interno di batterie elettriche, provenienti dall'Ucraina e diretti in Russia
Gli ordigni esplosivi sequestrati in Georgia all'interno di batterie elettriche, provenienti dall'Ucraina e diretti in Russia Diritti d'autore EBU /
Diritti d'autore EBU /
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il carico di esplosivi partito da Odessa ha attraversato Romania, Bulgaria, Turchia e Georgia. Sequestrato alla frontiera con la Russia, era probabilmente destinato a un attentato, secondo i servizi dell'anti-terrorismo georgiano

PUBBLICITÀ

Una "quantità significativa" di materiale esplosivo e sei ordigni confezionati, provenienti dall'Ucraina e diretti in Russia, sono stati sequestrati in Georgia lunedì dai reparti anti-terrorismo (il Servizio di Sicurezza Statale, o Ssg).

Il carico era partito da Odessa ed era nascosto all'interno delle batterie elettriche di un minivan, usate come dei contenitori. Gli ordigni racchiudevano un totale di 14 chilogrammi di C-4, un esplosivo al plastico di tipo militare, e i relativi detonatori e timer per l'innesco, una configurazione sufficiente per un attentato secondo gli esperti georgiani. 

"Sette individui provenienti dalla Georgia, tre ucraini e due armeni sono implicati in questa operazione" ha dichiarato il direttore dell'Ssg, Bacha Mgeladze.  

Il carico diretto in Russia via Romania, Bulgaria, Turchia e Georgia

Secondo Mgeladze, gli esplosivi erano già transitati da Romania, Bulgaria e Turchia ed erano entrati in Georgia il 19 gennaio. Parte è rimasta in un deposito a Tblisi, la capitale georgiana, il resto era stato destinato alla città di Voronezh ed è stato sequestrato alla frontiera con la Russia.  

L'Ssg ha individuato la mente dell'operazione inAndrey Sharashidze, un cittadino ucraino ed ex politico originario della Georgia. Le autorità non hanno chiarito la ragione del trasferimento di esplosivi dall'Ucraina alla Federazione Russa e se l'obiettivo fosse un attentato in territorio russo.

Il ruolo chiave della Georgia tra Ucraina e Russia

Gli investigatori russi, nell'ottobre 2022, hanno indicato un percorso simile per consegnare gli esplosivi poi utilizzati per colpire un ponte nella Crimea occupata.

D'altra parte, i rapporti tra Georgia e Ucraina non sono dei migliori, a causa del riavvicinamento dello stato caucasico con Mosca, nonostante la breve guerra del 2008.

Le relazioni con Kiev si sono inasprite ulteriormentedopo l'incarcerazione nel 2021 dell'ex presidente georgiano filo-occidentale, Mikheil Saakashvili, che è anche cittadino ucraino. 

Il leader ucraino, Volodymyr Zelensky, ha accusato il governo di Tbilisi di “uccidere lentamente” Saakashvili su ordine di Putin e ne ha chiesto il rilascio, come fatto dalla Polonia e da altri Paesi europei.

A dicembre, l'Unione europea ha accordato alla Georgia lo status di candidato formale ad entrare nell'unione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: Kiev attende i pezzi di artiglieria, Mosca compra droni dall'Iran

Ossezia del Sud-Georgia, morte al confine: cittadino georgiano ucciso dai soldati russi

Georgia, approvata in via definitiva la legge sull'influenza straniera contro media e ong