EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Un missile russo uccide una donna in Ucraina, droni di Kiev su Mosca e San Pietroburgo

Image
Image Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Michela Morsa
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Tornano a mobilitarsi gli alleati di Kiev. Nuove consegne da Francia e Germania. Il ministro della Difesa ucraino all'omonimo francese: "La Russia ci supera negli attacchi quotidiani di artiglieria. Dobbiamo aumentare la nostra capacità"

PUBBLICITÀ

Ancora una notte di attacchi aerei tra Russia e Ucraina. Le forze russe hanno lanciato quasi quaranta droni di progettazione iraniana sul territorio ucraino e hanno sparato missili guidati contro la città orientale di Kharkiv, la seconda più grande del Paese. L'aeronautica militare ucraina ha dichiarato di aver abbattuto 22 dei droni russi.

Già mercoledì sera i bombardamenti sulla regione di Kharkiv hanno ucciso una donna che lavorava in una centrale elettrica e di riscaldamento e ferito altre due persone a Chuhuyev, a sud-est del capoluogo, e danneggiato un istituto scolastico. Martedì due missili hanno ferito 17 persone a Kharkiv

Il ministero della Difesa russo ha dichiarato che droni ucraini sono stati lanciati verso le regioni di Mosca e San Pietroburgo nelle prime ore di giovedì, affermando che i droni sono stati intercettati. 

Citando una fonte militare ucraina, Reuters riporta che un drone ha colpito un terminale petrolifero a San Pietroburgo come parte di una "nuova fase" nella regione. Anche un funzionario nominato dalla Russia nell'Ucraina sud-orientale occupata ha riferito all'agenzia che durante la notte l'Ucraina ha tentato, senza però riuscirci, di colpire con un drone un terminale petrolifero russo sul Mar Baltico.

Progressi russi sul fronte

Il ministero della Difesa russo ha dichiarato che le forze russe hanno preso il controllo di Vesele, un insediamento nella regione orientale ucraina di Donetsk. Mosca non ha fornito dettagli, ha solo detto che il villaggio è stato conquistato grazie a quelli che ha definito gli sforzi attivi delle unità che fanno parte del gruppo militare meridionale della Russia. 

Un villaggio con questo nome, popolato da circa 100 persone, si trova a 20 chilometri (12 miglia) a nord-est della città di Bakhmut, controllata dai russi, in un'area che ha visto intensi combattimenti.

La mobilitazione degli alleati europei

Un mese prima che l'invasione russa entri nel suo terzo anno e dopo il fallimento dell'offensiva ucraina e una fase di stallo nel sostegno militare da parte dell'Occidente, alcuni alleati di Kiev stanno tornando a mobilitarsi.

La scorsa settimana il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha incassato la promessa di ulteriori aiuti dai Paesi baltici e dal Regno Unito, mentre martedì il presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato cheinvierà all'Ucraina 40 missili di precisione Scalp, sistemi di artiglieria Caesar e nuove munizioni

Mercoledì la Germania ha consegnato a Kiev ulteriori aiuti militari, tra cui munizioni per carri armati Leopard 1, veicoli blindati per il personale, missili, droni ed elmetti. La fornitura comprende anche 16 autocisterne Zetros, otto veicoli blindati per il personale, 50 terminali satellitari mobili, 25 droni da ricognizione Heidrun e 1.840 elmetti.

Giovedì, in una conferenza a Parigi, il ministro della Difesa francese Sébastien Lecornu ha annunciato al suo omologo ucraino Rustem Umerov, in videocollegamento, il lancio di una coalizione "di artiglieria" per garantire il sostegno militare che necessita Kiev.

Alla richiesta di Umerov di ricevere più artigliera, Lecornu ha promesso di accelerare la produzione di armi.

La superiorità dell'armamentario russo

"La realtà di questa guerra è che la Russia ci supera significativamente negli attacchi quotidiani di artiglieria, lanciando da cinque a dieci proiettili per ogni colpo d'artiglieria ucraino, a seconda dell'area del fronte e della fase del combattimento. La carenza di munizioni, la fame di granate, è un problema molto reale e pressante che le nostre forze armate stanno affrontando attualmente", ha dichiarato il ministro ucraino. 

Il ministro francese ha auspicato di collegare direttamente "le industrie della difesa nordamericane ed europee all'esercito ucraino". Dalla fine di questo mese, ha detto, la Francia fornirà all'Ucraina tremila proiettili al mese per i suoi cannoni da 155 mm, rispetto ai mille dell'aprile 2023.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, la Francia invierà missili di precisione: Macron in visita a febbraio

Ucraina, la Svizzera ospiterà una conferenza di pace

Guerra in Ucraina: Kiev mette pressione in Crimea, Mosca attacca le infrastrutture