EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

La Lituania ricorda gli eventi della Domenica di sangue

commemorazione Domenica di sangue
commemorazione Domenica di sangue Diritti d'autore Gitanas Nausėda
Diritti d'autore Gitanas Nausėda
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

A Vilnius la commemorazione di una delle pagine di storia più nere del Paese. Nel 1991 le forze dell'Urss tentarono con la forza di riconquistare il potere in Lituania dopo la sua dichiarazione di indipendenza. Durante gli scontri morirono 15 persone

PUBBLICITÀ

Nonostante la bufera di neve, centinaia di persone, tra cui politici di spicco, si sono riunite a Vilnius presso il monumento che commemora il tentativo sovietico di riportare la Lituania nell'Urss, detto Giorno dei difensori della libertà e conosciuto anche come 'Domenica di sangue'. I sanguinosi eventi dell'11-13 gennaio 1991, culminati con l'assalto dell'esercito sovietico e del Kgb allo studio televisivo centrale di Vilnius, causarono 15 morti, 14 civili e un ufficiale dei servizi russi, e centinaia di feriti. Alla fine i lituani riuscirono a mantenere la loro indipendenza, proclamata quasi un anno prima.

In molti si chiedono in Lituania se la giornata debba essere celebrata o osservata con maggiore moderazione a causa delle atrocità ad essa associate. Dal punto di vista lituano, si trattò di un tentativo di colpo di Stato straniero, poiché il Paese aveva dichiarato la propria indipendenza (una restaurazione dell'indipendenza) quasi un anno prima, nel marzo 1990. Ma questo non fu riconosciuto né da Mosca né dalla maggior parte degli altri Paesi all'epoca, per cui i sovietici dichiararono di essere forze di "contro-golpe".

Nausėda: "I sovietici cercarono di distruggere la nostra volontà di essere liberi"

Il presidente lituano Gitanas Nausėda ha partecipato all'evento e sui social ha poi postato un messaggio per ricordare la volontà della Lituania di difendere sempre la libertà. "33 anni fa, i sovietici hanno cercato di distruggere la nostra volontà di essere liberi schiacciando il nostro popolo con i carri armati. Hanno fallito. Il nostro desiderio di libertà è più forte. La difenderemo sempre!", ha scritto il leader.

Cosa accadde durante gli eventi della Domenica di sangue in Lituania

Gli eventi iniziarono il 7 gennaio, quando il governo lituano liberalizzò i prezzi. I prodotti alimentari, in particolare, aumentarono immediatamente di 3-4 volte. Ciò diede alle forze filo-sovietiche un motivo per organizzare proteste anti-governative all'insegna del ritorno all'Urss. Sullo sfondo di queste proteste, il presidente sovietico Mikhail Gorbaciov chiese di ripristinare la costituzione sovietica in Lituania.

A partire dall'11 gennaio, le forze sovietiche (per lo più truppe aviotrasportate e l'unità speciale del Kgb "Alfa") cominciarono a sequestrare diversi edifici chiave a Vilnius e in altre città. Nella notte tra il 12 e il 13 gennaio, le truppe sovietiche presero d'assalto e sequestrato lo studio televisivo centrale. L'operazione  suscitò una tempesta di condanne in tutta l'Urss e all'estero. Gli alti funzionari sovietici non hanno mai ammesso la responsabilità degli ordini impartiti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Lituania: chiusi due valichi di frontiera, possibile chiusura del confine con la Bielorussia

Polonia e Lituania unite: proteggere il "Corridoio di Suwałki" dalle provocazioni di Mosca e Minsk

Lituania: esplode batteria di un monopattino elettrico in carica, nessun ferito