Iraq, un morto e una ventina di feriti in raid Usa contro le milizie filo-Iran

Miliziani sciiti iracheni portano la bara di un membro delle Brigate Hezbollah ucciso in un attacco aereo statunitense in Iraq
Miliziani sciiti iracheni portano la bara di un membro delle Brigate Hezbollah ucciso in un attacco aereo statunitense in Iraq Diritti d'autore Hadi Mizban/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Gabriele Barbati
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I bombardamenti martedì contro tre siti militari delle Brigate Hezbollah sono stati ordinati in risposta all'attacco a una base americana. Dall'inizio della guerra a Gaza le truppe degli Stati Uniti in Iraq e Siria sono state colpite un centinaio di volte

PUBBLICITÀ

Un membro di una milizia filo-iraniana è stato ucciso e una ventina di persone è rimasta ferita martedì in due attacchi americani in Iraq, un altro segnale della tensione crescente in Medioriente.

Gli Stati Unitihanno dichiarato di avere colpito nella città di Hilla, nel governatorato di Babil, causando un morto e venti feriti, e in un'altra località nel governatorato di Wassit sempre nella parte centrale dell'Iraq, facendo quattro feriti.

Usa: rappresaglia contro le milizie Hashed al Shaabi

Gli obiettivi colpiti sono riconducibili alle Brigate Hezbollah, una milizia che fa parte di Hashed al Shaabi, una coalizione di ex forze paramilitari sostenute dall'Iran che sono state integrate nelle forze armate dell'Iraq. Dal 2009 il Dipartimento di Stato americano considera le Brigate Hezbollah un'organizzazioneterroristica.

Per il segretario alla Difesa statunitense, Lloyd Austin, i bombardamenti sui tre siti utilizzati da gruppi filo-iraniani in Iraq sono stati ordinati dal presidente Biden in risposta agli attacchi con droni contro una base a Erbil che ha ferito tre americani, uno gravemente. 

Gli Usa hanno subito circa cento attacchi con la guerra a Gaza

Il governo di Baghdad ha definito i bombardamenti un "attacco inaccettabile alla sovranità irachena" che potrebbe danneggiare le relazioni bilaterali.

Funzionari militari statunitensi hanno registrato un centinaio di attacchi contro le truppe in Iraq e Siria dal 17 ottobre, in concomitanza con la guerra tra Israele e Hamas.

L'ultimo attacco a Erbil è stato rivendicato dalla Resistenza islamica in Iraq, un'altra milizia affiliata a Hashed al-Shaabi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Iraq: al via i colloqui per la fine dell'operazione militare contro l'Isis

Stati Uniti, il ricovero segreto di Lloyd Austin era per un cancro alla prostata

Stati Uniti, attacco di droni in Iraq: ucciso a Baghdad comandante filoiraniano