EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

European Film Awards, il trionfo di "Anatomia di una caduta"

Il regista ungherese Béla Tarr ha ricevuto un premio d'onore agli European Film Awards
Il regista ungherese Béla Tarr ha ricevuto un premio d'onore agli European Film Awards Diritti d'autore Clemens Bilan/MTI/MTI
Diritti d'autore Clemens Bilan/MTI/MTI
Di Andrea Barolini
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Agli European Film Awards, "Anatomia di una caduta" fa incetta di premi, nonostante la qualità delle altre pellicole in concorso

PUBBLICITÀ

Il film francese "Anatomie d'une chute" ("Anatomia di una caduta") di Justine Triet ha trionfato agli European Film Awards di Berlino, che dal 1988 premiano ogni anno i migliori film europei. La pellicola ha ottenuto i riconoscimenti per la migliore sceneggiatura, la migliore regia e il miglior film, oltre a quello per la migliore attrice, ottenuto da Sandra Huller. Dopo aver vinto la Palma d'Oro a Cannes, questa è la consacrazione.

La storia di una donna accusata di aver ucciso il marito

È la storia di una donna che deve affrontare l'accusa di aver ucciso il marito, morto in circostanze sospette. Attraverso le indagini e il conseguente processo, Triet offre una profonda analisi del rapporto di coppia, grazie anche alla magnifica interpretazione dell'attrice tedesca, musa della regista.

"Un film - spiega quest'ultima - è ovviamente una sceneggiatura, delle inquadrature e delle telecamere, ma soprattutto è all'80% fatto dagli attori. Sandra è stata una sorpresa ogni giorno, per me e per tutta la squadra. Vedere quanto fosse generosa, quanto fosse coinvolta, in un modo che raramente ho visto in un film. In un certo senso, devo a lei questa pellicola".

Un'edizione combattuta degli European Film Awards

Tra gli altri film in concorso, "La zona d'interesse" di Jonathan Glazer, "Zielona granica" di Agnieszka Holland, "Io Capitano" di Matteo Garrone e "Kuolleet lehdet" di Aki Kauris-maki, nessuno dei quali è riuscito ad avere la meglio sul film francese, nonostante la loro qualità. Il concorso di quest'anno è stato in ogni caso particolarmente combattuto. La trentaseiesima edizione degli European Film Awards ha fatto emergere la diversità, la ricchezza e la rilevanza del cinema europeo, con film coinvolgenti e profondi, che ci permettono di comprendere meglio la nostra umanità e i suoi numerosi difetti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cinema, il "Napoleon" di Ridley Scott fa discutere i francesi

Il "mese del cinema europeo": tutta l'Europa sul grande schermo

Niente più invito per Aleeza Chanowitz al Festival del Cinema di Stoccolma a causa della guerra