EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

"Pronti alla pace ma Ucraina nella UE" L'intervista al ministro degli Esteri Kuleba

Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba collegato con Euronews Serbia
Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba collegato con Euronews Serbia Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Gabriele BarbatiEuronews Serbia
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Parlando a Euronews Serbia Dmytro Kuleba ha auspicato di discutere un'intesa di pace concentrandosi su "problemi specifici". L'Ucraina è pronta a un nuovo inverno di guerra, grazie al continuo aiuto internazionale, ha assicurato il ministro. "La UE non rinvii però l'entrata dell'Ucraina"

PUBBLICITÀ

L'Ucraina si aspetta un altro duro inverno di guerra, con attacchi di droni e missili russi contro le sue infrastrutture. Quanto a una pace "bisogna procedere a piccoli passi". Lo ha detto il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, in un'intervista a Euronews Serbia venerdì.

"Raccomanderei di sostenere un accordo di pace che sia proposto dall'Ucraina. In secondo luogo, di concentrarsi sulle questioni specifiche create dalla guerra cercando di risolverle con la Russia" ha dichiarato Kuleba.

Il ministro ritiene molto probabile che la Russia prosegua attacchimassicci nelle prossime settimane, come avvenuto nei giorno scorsi nell'est e nel sud dell'Ucraina.

"Sappiamo che la Russia ha ammassato droni e missili e si è preparata per nuovi attacchi. Ci siamo preparati bene per questo inverno, molto meglio di quello precedente. Sono sicuro che alla fine avremo la meglio, ma sarà una vera e propria battaglia".

Non sentiamo la diminuzione dell'attenzione e del sostegno politico del mondo
Dmytro Kuleba
Ministro degli Esteri ucraino

"Due giorni fa ho incontrato molti esponenti della Nato e dell'Unione Europea e tutti mi hanno rassicurato su due punti. Primo, rifiutano categoricamente la nozione di stanchezza da guerra. In secondo luogo, sono davvero impegnati a continuare e ad aumentare il sostegno all'Ucraina. E lo fanno perché comprendono la posta in gioco di questa guerra" ha proseguito Kuleba.

"Alcuni Paesi stanno sfruttando le relazioni con Mosca per aiutarci a riportare i bambini rapiti in Ucraina. Credo che questa sia la strategia giusta: concentrarsi su questioni specifiche invece che su un obiettivo più ampio di pace" ha aggiunto e poi ammonito: "La Russia dovrebbe ritirarsi dal territorio dell'Ucraina e creare uno spazio per la diplomazia".

Per diventare grande, l'Europa ha bisogno di Ucraina, Moldavia e Balcani occidentali
Dmytro Kuleba
Ministro degli Esteri ucraino

Ogni prospettiva futura è legata tuttavia a doppio filo, non solo a un'adesione dell'Ucraina alla Nato, ma anche a una sua entrata nell'Unione Europeasecondo il ministro.

"L'Ucraina come la Serbia appartiene all'Europa. Abbiamo i nostri interessi nazionali, ma siamo tutti europei. Quindi si tratta di strategia: espandere le regole europee, i principi europei e lo stile di vita europeo nel suo spazio storico".

Il 14 e 15 dicembre, a Bruxelles, il Consiglio dell'Unione Europea deciderà se avviare i colloqui di adesione con l'Ucraina e la Moldavia. Kiev spera di entrare nell'Unione contemporaneamente agli altri Paesi dei Balcani occidentali che si sono candidati.

"Esortiamo l'Unione Europea a non ripetere l'errore di prolungare il processo di adesione per tutti questi Paesi. Due anni fa non c'era alcuna discussione seria sull'allargamento e i colloqui di adesione con i Balcani occidentali erano stati accantonati" ha ricordato Kuleba.

"È giusto dire che è stata l'Ucraina a far uscire l'Unione dal comadell'allargamento".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, prime crepe: soldati esausti, troppo tempo al fronte

Crimini di guerra, la Procura ucraina indaga sull'esecuzione di due soldati che si erano arresi

Ucraina, massiccio attacco russo nella notte. 91 attacchi in 24 ore a Kherson