EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Inondazioni in Francia, nel Pas-de-Calais Macron promette 50 milioni di euro per le vittime

Copyright
Copyright Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Euronews Digital
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Un altro "fondo di sostegno eccezionale" per gli agricoltori, compresi quelli della Bretagna e della Normandia colpiti dai temporali, verrà lanciato a breve

PUBBLICITÀ

Il presidente francese, Emmanuel Macron, durante un viaggio nel Pas-de-Calais ha promesso un "fondo di sostegno" di 50 milioni di euro alle comunità del dipartimento, devastate da diversi giorni di piogge e alluvioni, e i cui abitanti, stremati, temono una nuova risalita delle acque.

Un altro "fondo di sostegno eccezionale" per gli agricoltori, compresi quelli della Bretagna e della Normandia colpiti dai temporali, verrà lanciato a breve.

"La nostra solidarietà e il nostro sostegno - dice Macron - si tradurranno, da questo pomeriggio, nella classifica di tutti i Comuni che ne hanno fatto richiesta in quanto calamità naturale.

Nel dipartimento sono 214 e al nord una trentina: ovviamente, ora attiveremo il sostegno Calamità agricole che abbiamo creato qualche mese fa, ciò consentirà di accompagnare e compensare il tutto".

Danni ingenti

Secondo il prefetto del Pas-de-Calais, Jacques Billant, 5.000 case sono state colpite da queste inondazioni “eccezionali” e “1.400 persone sono state evacuate” dal 6 novembre. 

Gli agricoltori francesi ritengono che la manutenzione delle infrastrutture avrebbe potuto prevenire le inondazioni: molti di loro hanno visto i loro campi trasformarsi in vaste distese d’acqua.

I campi agricoli del Pas-de-Calais sono stati trasformati in laghi e i raccolti sono andati perduti a causa delle inondazioni.

Tra Calais, Dunkerque e l'entroterra, sono stati costruiti tantissimi km di canali: secondo gli agricoltori, le infrastrutture sono in cattive condizioni e la situazione potrebbe peggiorare.

"In questo momento - dice Raphaël Delamaere, agricoltore - il 60% del mio raccolto è sott'acqua: ponti, bacini non manutenuti, pompe con portata insufficiente, tutto il sistema deve essere rivisto.

Siamo in un entroterra che è cambiato, un territorio che è cambiato significativamente, un clima che è cambiato a sua volta".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Calais, megattera di 10 metri trovata morta su una spiaggia

Calais, la disperazione dei migranti della Manica. Una crisi che pesa su Francia e Gran Bretagna

Calais, pescatori francesi bloccano l'accesso a camion e traghetti