EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Oms: "Situazione disperata e pericolosa" negli ospedali di Gaza

Image
Image Diritti d'autore KHADER AL ZANOUN/AFP or licensors
Diritti d'autore KHADER AL ZANOUN/AFP or licensors
Di Michela Morsa
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'ospedale più grande della Striscia, al Shifa, ha smesso di funzionare da sabato. Sono in "tragico aumento" le vittime tra i pazienti, anche tra i neonati prematuri

PUBBLICITÀ

Gli ospedali di Gaza sono a un punto di non ritorno. Il direttore generale dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus ha descritto la situazione come "disperata e pericolosa", in particolare nell'ospedale di al Shifa, il più grande della Striscia, che da sabato ha praticamente smesso di funzionare. 

Il numero delle vittime tra i pazienti, compresi i neonati prematuri, sta "tragicamente" aumentando, mancano cibo, acqua, elettricità e internet, i costanti bombardamenti a pochi metri dalla struttura e gli spari dei cecchini impediscono alle migliaia di persone rifugiate all'interno di fuggire. 

"Il mondo non può rimanere in silenzio mentre gli ospedali, che dovrebbero essere un posto sicuro, sono trasformati in luoghi di morte, devastazione e disperazione", ha scritto Ghebreyesus su X, chiedendo un immediato cessate il fuoco.

Secondo diverse testimonianze raccolte sia dai media internazionali che dalle principali organizzazioni umanitarie, l'ospedale è di fatto assediato e attaccato direttamente dall'esercito israeliano, nonostante Tel Aviv continui a negare ogni responsabilità, sostenendo che ci siano solo dei combattimenti in corso nell'area. 

Le Nazioni unite riportano della morte di almeno 12 pazienti e tre infermieri da quando è iniziata l'interruzione della corrente. Tra questi, l'Onu parla di due neonati prematuri, il viceministro del ministero della Salute di Gaza di cinque. 

Un medico dell'ospedale ha inviato a Reuters diverse foto che mostrano la condizione del reparto di terapia intensiva neonatale, dove le incubatrici hanno smesso di funzionare e più di 30 neonati in pericolo di vita sono stati radunati in un'unica sala chirurgica riscaldata. 

Sabato, su diretta richiesta del direttore di al Shifa, Israele ha dichiarato che avrebbe aiutato a evacuarli in una struttura più sicura. Durante la giornata si era parlato anche di un'evacuazione generale dell'ospedale, ma poi non ci sono stati aggiornamenti. 

Domenica pomeriggio, durante un'intervista con il canale televisivo statunitense Nbc News, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha detto che Israele ha cercato di rifornire di carburante l’ospedale al Shifa, ma che l’offerta è stata rifiutata. 

L'esercito sostiene di aver lasciato 300 litri di carburante in un luogo vicino alla struttura concordato in precedenza con un funzionario, ma Hamas avrebbe impedito che venisse recuperato. Tel Aviv ha pubblicato un video che mostra alcuni soldati trasportare delle taniche e ha diffuso la registrazione di due telefonate a riprova della sua versione, ma nessun media internazionale finora ne ha potuto verificare la veridicità.

Un'offerta insufficiente

Il direttore dell'ospedale Muhammad Abu Salmiya ha detto ad Al Jazeera che le dichiarazioni dell’esercito israeliano secondo cui la struttura avrebbe rifiutato un’offerta di carburante sono "propaganda". Abu Salmiya ha confermato di essere stato contattato dagli israeliani due volte, "la prima per offrire 2mila litri, poi un’altra per 300 litri". "Tenete conto che l’ospedale ha bisogno di 8mila-12mila litri al giorno", ha detto, spiegando che 300 litri durano solo 30 minuti. Abu Salmiya ha anche parlato del luogo in cui l’esercito israeliano gli aveva detto che avrebbe lasciato il carburante e lo ha definito "pericoloso ed esposto a potenziali bombardamenti". 

La situazione è critica in tutti gli ospedali della Striscia. La maggior parte sono ormai fuori servizio, molti sono circondati dai combattimenti e dalle forze israeliane e sottoposti a continui bombardamenti. L’ufficio per il coordinamento degli aiuti umanitari delle Nazioni unite (Ocha) ha detto che sabato l’esercito israeliano ha "colpito direttamente" diversi ospedali nella città di Gaza. 

Dal momento che molti degli ospedali hanno cessato le operazioni e fanno anche fatica a comunicare con l'esterno, il bilancio delle vittime fornito finora quotidianamente dal ministero della Salute di Gaza, controllato da Hamas, è fermo agli 11.080 morti dichiarati venerdì, ma il personale sanitario parla di centinaia di morti in più.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Svedesi palestinesi , la disperazione a Gaza

Onu: al nord solo un ospedale funzionante. Idf: Hamas ha perso il controllo di Gaza City

Arabia Saudita, vertice arabo-islamico per "unificare gli sforzi" su Gaza