EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Due giornaliste iraniane condannate a sei e sette anni di carcere: avevano scritto di Mahsa Amini

Le due giornaliste iraniane condannate.
Le due giornaliste iraniane condannate. Diritti d'autore Screenshot AFP Video
Diritti d'autore Screenshot AFP Video
Di Cristiano TassinariEuronews World
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

A maggio, l'Onu aveva insignito le due reporter iraniane, Niloufar Hamedi e Elaheh Mohammadi, del premio per la libertà di stampa. Le associazioni internazionali dei giornalisti ne chiedono la liberazione da mesi

PUBBLICITÀ

Un tribunale dell'Iran ha condannato due giornaliste per i loro servizi giornalistici sulla morte di Mahsa Amini, avvenuta il 16 settembre 2022.

Una delle reporter, Niloufar Hamedi, è stata condannata per aver riportato la notizia della morte della ragazza a causa del velo indossato in maniera non corretta.
La collega, Elaheh Mohammadi, è stata condannata per aver scritto del funerale di Mahsa Amini: sono state condannate rispettivamente a sette e sei anni di reclusione.

Si tratta di una sentenza preliminare che può essere impugnata entro 20 giorni.

Tra le accuse, le due donne sono state accusate anche di "collaborazione" con gli Stati Uniti. 

Entrambe le giornaliste sono già in carcere da oltre un anno, nonostante le ripetute richieste di liberazione da parte di associazione della stampa internazionale.

La storia delle due giornaliste fa notizia.
La storia delle due giornaliste fa notizia.Screenshot AFP Video

Un premio per la libertà di stampa

A maggio 2023, le Nazioni Unite hanno assegnato a Niloufar Hamedi e Elaheh Mohammadi il primo premio per la libertà di stampa “per il loro impegno nei confronti della verità e della responsabilità”.

La morte di Mahsa Amini ha scatenato proteste durate mesi in dozzine di città in tutto l’Iran, manifestazioni che continuano tuttora, benché in maniera più sporadica.

Le manifestazioni iniziate a settembre 2022 hanno rappresentato una delle rivolte più violente e decise contro la Repubblica Islamica da quando le proteste del "Movimento Verde" del 2009 portarono milioni di persone in piazza.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il Parlamento europeo omaggia con il premio Sakharov la lotta per la libertà delle iraniane

Teheran, muore la 16enne Armita Geravand: forse picchiata dalla polizia perché non indossava il velo

Iran, ragazza in coma per non aver indossato il velo. Un nuovo caso Mahsa Amini