Russia, Duma: "Aumento del 70% delle spese militari"

Duma, Mosca
Duma, Mosca Diritti d'autore frame
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I parlamentari della Duma di Stato (Camera bassa) hanno votato per approvare i piani di spesa della Russia per il 2024

PUBBLICITÀ

I parlamentari della Duma di Stato (Camera bassa) hanno votato per approvare i piani di spesa della Russia per il 2024, che prevedono un aumento del 68% delle spese militari. 

Un via libera, che secondo il ministro delle Finanze Anton Siluanov, aumenteranno la spesa totale per le forze armate al 29% del bilancio del paese nel contesto dello stallo dell'offensiva in Ucraina.

Nel tentativo di reprimere le preoccupazioni sulle spese eccessive, il politico ultranazionalista Leonid Slutsky ha fatto paragoni con i sacrifici della Seconda Guerra Mondiale, sostenendo che "la vittoria senza questa misura sarebbe impossibile".

Secondo la proposta del governo, nel 2024 le spese militari supereranno per la prima volta nella storia russa tutte le spese sociali di oltre il 25%.

La spesa totale per la difesa nazionale ammonterà a quasi circa 118 miliardi di dollari nel 2024.

Le quattro province ucraine - le regioni di Donetsk, Luhansk, Kherson e Zaporizhzhia - sono state annesse alla Russia nel settembre 2022.

Il presidente della Duma di Stato russa Vyacheslav Volodin ha sottolineato che "è importante che ogni bilancio abbia la propria ideologia". Per entrare in vigore, il progetto di legge dovrà ora essere adottato in seconda e terza lettura dalla Duma, prima di passare alla camera bassa del parlamento russo, il Consiglio della Federazione, e poi dovrà essere firmato dal presidente Vladimir Putin.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

In Russia la commemorazione delle vittime di repressioni politiche

Russia: 9 anni fa a Mosca l'omicidio di Boris Nemtsov

Morte Navalny: le commemorazioni da Mosca a Kazan per ricordare l'oppositore russo