Germania, giro di vite sull'immigrazione irregolare, detenzione più lunga e controlli domiciliari

Il ministro degli Interni tedesco, Nancy Faeser
Il ministro degli Interni tedesco, Nancy Faeser Diritti d'autore MICHELE TANTUSSI/AFP or licensors
Di Ilaria Cicinelli
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Fanno discutere le misure proposte dal ministro degli Interni tedesco volte ad aumentare le espulsioni. Critiche dal partito socialdemocratico

PUBBLICITÀ

La Germania ha in cantiere un duro giro di vite contro l'immigrazione irregolare. Il ministro degli Interni, Nancy Faeser, ha presentato un pacchetto di misure per accelerare e aumentare le espulsioni degli stranieri che si trovano nel paese irregolarmente. Tra queste sono previsti nuovi poteri per le autorità per ampliare la possibilità di effettuare controlli domiciliari, per determinare l'identità dei profughi con l'esame dei documenti. 

La proposta servirebbe a "Proteggere il diritto fondamentale all'asilo", secondo quanto ritiene il ministro.

Tra le altre misure, si prevede di semplificare i requisiti per l'espulsione dei criminali e dei trafficanti di esseri umani "indipendentemente da una condanna", e di eliminare l'obbligo di informare coloro che saranno espulsi in anticipo. Verrebbe poi estesa da dieci a 28 giorni la durata massima della detenzione per chi è in attesa di essere espulso.

Violare le leggi tedesche sull'ingresso e sul soggiorno in Germania sarà in questo modo motivo di espulsione e detenzione. È prevista inoltre "l'immediata attuazione dei requisiti di residenza". Questo significa che le autorità potrebbero decidere dove deve vivere un richiedente asilo e vietargli di spostarsi.
Se la legge venisse approvata i divieti di ingresso e di uscita diventerebbero immediatamente applicabili. 

Il cancelliere tedesco Olaf scholz approva la proposta, tanto che ha dichiarato al settimanale tedesco "Der Spiegel" di voler "espellere in grande stile chi non ha diritto di rimanere in Germania". Il Paese rispetto all'anno scorso ha aumentato le espulsioni del 27%.

Il disegno di legge deve ora passare attraverso il Bundestag per l'approvazione.
Il progetto di Faeser ha scatenato diverse critiche nella coalizione di maggioranza che forma l’esecutivo, guidato da Scholz. Mentre l'iniziativa è stata attaccata da più voci del partito socialdemocratico(Spd) e dai Verdi, il partito liberale democratico (Fdp) sostiene la proposta.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Rushdie premiato in Germania per la difesa della libertà di espressione

Oltre 250 migranti soccorsi in una sola notte al largo della Libia dalla nave Geo Barents

Migranti, accordo nell'Ue sul regolamento di gestione delle crisi