Guerra Israele-Hamas, la comunità internazionale condanna il massacro di civili

i presidenti delle istituzioni europee
i presidenti delle istituzioni europee Diritti d'autore Kenzo TRIBOUILLARD / AFP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I leader delle istituzioni europee hanno condannato il massacro israeliani commesso da Hamas. Mentre il presidente turco Erdogan ha ricordato ha ricordato le centinaia di civili palestinesi morti sotto i bombardamenti israeliani su Gaza

PUBBLICITÀ

I capi delle tre principali istituzioni europee si sono riuniti davanti al Parlamento di Bruxelles per osservare un minuto di silenzio per le vittime dell'attacco di Hamas in Israele.

La presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola ha affermato che il 7 ottobre "sarà ricordado nell'infamia globale".

"Siamo qui con il presidente del Consiglio europeo, e la presidente della Commissione europea e tutti voi per esprimere la nostra solidarietà, per condannare gli spaventosi atti di terrorismo e le uccisioni, e per chiedere l'immediato rilascio degli ostaggi", ha affermato Metsola.

I timori francesi

Oltre a scongiurare un'escalation in Medioriente, Parigi vuole evitare che la violenza dilaghi anche in Francia, dove dall fine settimana si sono verificati circa 50 atti antisemiti. Il governo ha risposto mettendo sotto protezione le sinagoghe e le scuole ebraiche.

"Bisogna fare tutto il possibile per evitare un'escalation in Medio Oriente, per proteggere la popolazione civile e per evitare che il Medio Oriente vada in fiamme. Questi ingiustificabili attacchi terroristici di Hamas non devono distoglierci dalla ricerca di una pace duratura e di una soluzione politica del conflitto."

I crimini di Israele su Gaza

Da cinque giorni proseguono i bombardamenti dell'esercito israeliano sull'enclave palestinese, che con 2,3 milioni di abitanti (intrappolati) è una delle strisce di terra più densamente popolate al mondo. Il bilancio delle vittime palestinesi è salito a quota 1.100, tra cui 326 bambini, e ci sono 5.339 feriti accertati.

Più di 260.000 persone sono fuggite dalle loro case nella Striscia di Gaza a causa dei bombardamenti, ha avvertito l'Onu. Senza possibilità di abbandonare l'enclave in molti hanno cercato rifugio nelle scuole gestite dalle Nazioni Unite, ma anche queste non sono immuni agli attacchi dal cielo, e nei giorni scorsi una è stata pesantemente danneggiata da un raid israeliano.

L'Egitto ha 

Preparativi di invasione

Intanto l’unica centrale elettrica di Gaza è rimasta senza carburante, costringendola a chiudere dopo che Israele ha interrotto le forniture, ha detto il ministero dell’Energia. Ciò lascia solo i generatori ad alimentare il territorio, ma anche questi dipendono dall'approvigionamento di carburante.

Il ministro della Difesa israeliano, Yoav Gallant, ha detto ai soldati: “Verremo dalla terra”, un altro chiaro segnale che un’offensiva di terra su Gaza è imminente. Parlando martedì ai soldati vicino alla recinzione di Gaza, Gallant ha detto: “Hamas voleva un cambiamento e lo otterrà. Ciò che c’era a Gaza non ci sarà più. Abbiamo iniziato l’offensiva dal cielo, poi arriveremo anche da terra”.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

I parenti degli ostaggi di Hamas invocano l'aiuto dell'Europa

Manifestazioni filo-israeliane e filo-palestinesi in tutta l'America

Cosa sono gli Ngt e perché stanno suscitando tante polemiche nell'Ue