EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Francia e Germania, Macron e Scholz rilanciano l'asse Parigi-Berlino. Sostegno duraturo a Kiev

Emmanuel Macron e Olaf Scholz
Emmanuel Macron e Olaf Scholz Diritti d'autore Markus Schreiber/AP
Diritti d'autore Markus Schreiber/AP
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dopo le tensioni degli ultimi mesi Francia e Germania rilanciano la loro cooperazione su politiche energetiche e lotta al cambiamento climatico. Macron e Scholz hanno espresso il loro netto sostegno a Israele e Ucraina

PUBBLICITÀ

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha ricevuto oggi il presidente francese Emmanuel Macron nella città settentrionale di Amburgo, alla vigilia di un incontro tra i loro due governi volto a rafforzare la cooperazione franco-tedesca su questioni europee ed esterne.

I due leader hanno ribadito la loro solidarietà a Israele durante una breve conferenza stampa rilasciata durante una visita a uno stabilimento Airbus in cui si produce il modello A320.

La solidarietà a Israele

Scholz ha definito "terribile e barbaro" l'attacco a Israele, che ha definito "l'unica democrazia del Medio Oriente", e ha ricordato che la sicurezza del Paese è una "ragione di Stato" per la Germania.

"Il terrore non vincerà, l'odio non vincerà, la violenza non trionferà. Israele difenderà e proteggerà i suoi cittadini", ha detto il cancelliere.

Sia lui che Macron hanno dichiarato che stasera parleranno in videoconferenza con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il primo ministro britannico Rishi Sunak per coordinare le loro posizioni.

"Siamo tutti d'accordo sul fatto che non ci debba essere alcuna conflagrazione nella regione. Ecco perché nessuno dovrebbe alimentare il terrore in questa situazione", ha detto il ministro degli Esteri tedesco.

Sul possibile coinvolgimento dell'Iran nell'attacco condotto da Hamas sul territorio israeliano Macron ha detto che non esistono prove certe a riguardo: "Non ho commenti da fare sul coinvolgimento diretto di Teheran, di cui non abbiamo prove ufficili, ma è chiaro che i commenti pubblici delle autorità iraniane erano inaccettabili. Ed è probabile che ad Hamas abbia ricevuto un sostegno esterno".

Un legame speciale

Per quanto riguarda il vertice franco-tedescoo, Scholz ha sottolineato che si terrà nello spirito di "speciale fiducia" che esiste tra i due Paesi e ha menzionato tra i temi che verranno affrontati il "mantenimento della coesione sociale in tempi di cambiamento" e "l'impatto dei progressi tecnologici come l'intelligenza artificiale".

Macron, da parte sua, ha aggiunto ai temi all'ordine del giorno il cambiamento climatico, la guerra in Ucraina e le attuali tensioni geopolitiche, nonché le sfide che l'industria francese ed europea deve affrontare.

Ha osservato che l'incontro di domani è un nuovo formato informale che integrerà i Consigli dei ministri franco-tedeschi e ha sottolineato che è necessaria "un'azione concertata" per "agire insieme e prendere decisioni comuni".

L'incontro tra i due governi produrrà "proposte" sulle possibili strategie per l'attuazione dei processi "necessari per trovare risposte" nei prossimi mesi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La "Via della Seta" di Macron: visite politiche-economiche in Kazakhstan e Uzbekistan

Voli sospesi e assicurazioni: cosa sapere sui viaggi in Israele in questo momento

Guerra tra Israele e Palestina: divisioni nelle reazioni internazionali