EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Ucraina, la controffensiva a Bakhmut guadagna terreno

Image
Image Diritti d'autore via EBU
Diritti d'autore via EBU
Di Michela Morsa
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il ministero della Difesa ha rilasciato alcune immagini che mostrano i progressi delle truppe di prima linea nella riconquista dei territori occupati dalle forze russe

PUBBLICITÀ

Le truppe ucraine stanno facendo progressi vicino a Bakhmut. Nonostante le critiche secondo cui la controffensiva è troppo lenta, metro dopo metro la Guardia di frontiera - tra le brigate della "Guardia offensiva", appositamente istituita lo scorso febbraio per contribuire alla liberazione dei territori occupati dalle truppe russe - sta guadagnando terreno. A mostrarlo una serie di immagini rilasciate dal ministero della Difesa ucraina. 

Le truppe in prima linea si muovono attraverso i tunnel e sono sostenute dall'80esima Brigata d'assalto aereo autonoma, che le protegge con la sua artiglieria. 

Gli esperti dicono che le cose diventeranno più difficili con l'avvicinarsi dell'inverno. La questione principale, si dice, è chi detiene l'iniziativa militare: Kiev dice che è dalla sua parte, ma i russi dicono lo stesso.

Vivo o morto?

Il video diffuso martedì dal ministero della Difesa russo sembra mostrare il comandante della flotta del Mar Nero vivo e vegeto, pochi giorni dopo che l’Ucraina aveva affermato che era stato ucciso in un attacco senza precedenti in Crimea

Non è stata confermata la veridicità del video, né quando e dove sarebbe stato girato. 

L'esercito ucraino ha detto che sta "chiarendo" le sue informazioni su Sokolov, mentre in un'intervista alla Cnn, il ministro della Difesa non ha né confermato né smentito l'uccisione del comandante. 

Mosca contro gli Abrams

Martedì il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che i carri armati americani Abrams "bruceranno" come tutte le altre armi e non modificheranno la situazione nella zona di conflitto. 

Questa la reazione di Mosca all'arrivo in Ucraina dei moderni carri armati statunitensi. Gli analisti si aspettano che i 31 veicoli da combattimento aggiungano una potente componente di terra alle forze di Kiev. 

Aiuti per l'inverno

La Norvegia ha promesso 92 milioni di dollari in finanziamenti umanitari all'Ucraina per sostenere il Paese nell'affrontare un altro inverno di guerra. 

Nel comunicato con cui martedì Oslo ha annunciato il pacchetto di aiuti, si legge che secondo le ultime stime dell'Onu più di 17 milioni di persone in Ucraina hanno bisogno di assistenza umanitaria. 

Tentativi di riconciliazione

La Russia sta cercando di rientrare nel Consiglio per i diritti umani delle Nazioni unite, dopo essere stata espulsa lo scorso aprile in seguito all'invasione dell'Ucraina. 

Sul sito web delle Nazioni unite, Mosca figura tra i Paesi candidati per l'elezione dei membri del Consiglio per i diritti umani per il mandato 2024-2026, che dovrebbe svolgersi il 10 ottobre. 

La scorsa settimana lo stesso Consiglio ha accusato le forze russe di aver commessocrimini di guerra in Ucraina.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Vivo o morto? Per il Cremlino il comandante della flotta russa è scampato al blitz in Crimea

Russia, l'impatto psicologico della guerra sulla popolazione

Ucraina, attacco russo colpisce l'ospedale pediatrico Okhmatdyt a Kiev