EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Polonia, per la prima volta il Vaticano beatifica un'intera famiglia

Image
Image Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Michela Morsa
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Gli Ulma e i loro sette figli furono giustiziati dai nazisti nel 1944 per aver dato rifugio a otto ebrei

PUBBLICITÀ

Con una mossa senza precedenti, il Vaticano domenica ha beatificato una famiglia polacca di nove persone - una coppia di coniugi e i loro figli piccoli - che fu giustiziata dai nazisti durante la Seconda guerra mondiale per aver dato rifugio agli ebrei. 

Durante una messa cerimoniale nel villaggio di Markowa, nel sud-est della Polonia, l'inviato papale, il cardinale Marcello Semeraro, ha letto la formula latina di beatificazione della famiglia Ulma, firmata il mese scorso da Papa Francesco.

Semeraro ha detto che gli Ulma "hanno pagato il prezzo più alto del martirio". Vicino all'altare è stato mostrato un quadro contemporaneo che rappresenta Jozef e Wiktoria Ulma con i loro figli. Una processione ha portato all'altare le reliquie prese dalla loro tomba. 

Jozef Ulma, 44 anni, era un agricoltore, attivista cattolico e fotografo dilettante che documentava la vita della sua famiglia e del villaggio. Dopo essere stati apparentemente traditi, gli Ulma furono uccisi in casa dalle truppe tedesche e dalla polizia locale, controllata dai nazisti, nelle prime ore del 24 marzo 1944, insieme agli otto ebrei che nascondevano nella loro casa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Francesco e la Mongolia col pensiero rivolto a Pechino

Lunghi viaggi sempre più faticosi per il Papa, lo ha ammesso con i giornalisti

L'ultimo giorno di Papa Francesco in Mongolia