EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Burning man, l'esodo dopo le piogge torrenziali. In 70mila bloccati dal fango per tre giorni

Burning man
Burning man Diritti d'autore Rebecca Barger/Rebecca Barger
Diritti d'autore Rebecca Barger/Rebecca Barger
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I fiumi di fango causati dalle forti piogge hanno intrappolato per tre giorni più di 70mila persone accorse come ogni anno nel deserto del Nevada per il festival del Burning Man. Con le strade di nuovo percorribili in molti hanno deciso di tornare a casa

PUBBLICITÀ

Gli organizzatori dell'evento hanno dichiarato di aver iniziato a far defluire il traffico dalla strada principale intorno alle 14 ora locale, anche se hanno continuato a esortare i partecipanti a ritardare l'uscita per evitare ingorghi.

Gli organizzatori hanno anche chiesto ai partecipanti di non uscire a piedi dal Black Rock Desert, a circa 177 chilometri a nord di Reno, come hanno fatto altri durante il fine settimana, tra cui la celebrità DJ Diplo e il comico Chris Rock. Non hanno specificato il motivo.

Il festival era stato chiuso ai veicoli dopo che venerdì erano caduti più di 13 millimetri di pioggia, abbastanza da creare allagamenti e uno strat di fango profondo fino alle caviglie.

Il Servizio Meteorologico Nazionale di Reno ha dichiarato che nei prossimi giorni il cielo dovrebbe rimanere sereno. l'evento, cominciato il 27 agosto si sarebbe dovuto chiudere lunedì mattina.

"Siamo un po' sporchi e infangati, ma il morale è alto. La festa è ancora in corso", ha dichiarato Scott London, fotografo californiano, aggiungendo che i problemi hanno offerto "una prospettiva del festival inedita".

Trentasette anni di storia

Il raduno annuale, nato su una spiaggia di San Francisco nel 1986, attira quasi 80.000 artisti, musicisti e attivisti per una settimana di campeggio all'aperto, performance d'avanguardia e discussioni. Gli imprevisti fanno parte della storia recente dell'evento: Le tempeste di polvere hanno costretto gli organizzatori a chiudere temporaneamente gli ingressi al festival nel 2018 e l'evento è stato cancellato due volte durante la pandemia.

È stata segnalata almeno una vittima, ma gli organizzatori hanno dichiarato che la morte di un uomo di 40 anni non era legata alle condizioni meteorologiche. Lo sceriffo della vicina contea di Pershing ha dichiarato che sta indagando, ma non ha identificato l'uomo né la causa del decesso.

Il presidente Joe Biden ha dichiarato domenica ai giornalisti in Delaware di essere al corrente della situazione del Burning Man, e che la Casa Bianca era in contatto con le autorità locali.

Le fughe dal fango

Nei giorni scorsi alcuni partecipanti hanno raggiunto a piedi le città più vicine, per salire sui mezzi di trasporto.

Il Dj e musicista Diplo, il cui vero nome è Thomas Wesley Pentz, sabato sera ha postato su Instagram un video in cui viaggia sul retro del pick-up di un fan. Ha raccontato di aver camminato per sei miglia nel fango prima di trovare un passaggio: "Ho camminato sul ciglio della strada per ore con il pollice fuori".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Un "Burning man" sott'acqua

Burning Man: cosa ci stiamo perdendo e come recuperare

Il libro-verità di Britney Spears: "Ero incinta di Justin Timberlake, ma ho abortito"