EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

"Questo è il mio mondo": le vacanze polemiche in Russia dell'ex ministra degli Esteri austriaca

Il presidente russo Vladimir Putin balla con il ministro degli Esteri austriaco Karin Kneissl al suo matrimonio con l'uomo d'affari Wolfgang Meilinger a Gamlitz, in Austria. 18 agosto 2018
Il presidente russo Vladimir Putin balla con il ministro degli Esteri austriaco Karin Kneissl al suo matrimonio con l'uomo d'affari Wolfgang Meilinger a Gamlitz, in Austria. 18 agosto 2018 Diritti d'autore Alexei Druzhinin/AP
Diritti d'autore Alexei Druzhinin/AP
Di Una Hajdari
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Karin Kneissl è spesso citata come l'esempio più lampante di un funzionario europeo che si inchina al Cremlino. L'ex ministra austriaca sta trascorrendo l'estate a Petrushovo, un villaggio russo che, a suo dire, le ricorda la sua giovinezza.

PUBBLICITÀ

Diversi siti web russi hanno diffuso un video in cui l'ex ministra degli Esteri austriaca Karin Kneissl esalta il fascino del villaggio russo di Petrushovo durante un festival estivo locale.

"Questo è il mio mondo", ha detto Karin Kneissl davanti a un gruppo di bambini russi, ribadendo di sentirsi a casa tra "galline, anatre e capre" nel villaggio situato nell'Oblast di Ryazan, a sud-est di Mosca.

"Ho vissuto in un piccolo villaggio in Austria", ha continuato, parlando in russo. Secondo i media russi, l'ex ministra ha prenotato il suo soggiorno per un mese, anche se per il momento ha rifiutato di dire qualcosa sui suoi piani per il futuro.

"Mi piace qui, questo villaggio è molto bello. Ho iniziato a lavorare, continuo a insegnare e a imparare, a scrivere i miei libri, a imparare la lingua. Ho dovuto lasciare la mia vecchia vita, ricominciare tutto da capo, e a 60 anni non è facile", ha dichiarato la ministra, che è anche scrittrice, ai media locali.

Secondo i media austriaci, il suo libro parlerà dell'attuale situazione politica in Europa.

Alexei Druzhinin/AP
Russian President Vladimir Putin and Austrian Foreign Minister Karin Kneissl at her wedding to businessman Wolfgang Meilinger, left, in Austria. 18 August 2018Alexei Druzhinin/AP

Nel caldo abbraccio di Putin

La Kneissl è stata ministro degli Esteri austriaco dal 2017 al 2019. Durante il suo mandato, la ministra aveva invitato il presidente russo Vladimir Putin al suo matrimonio nel 2018, durante una cerimonia nella città di Gamlitz.

Durante la cerimonia, Kneissl ha ballato con Putin, esibendosi in un profondo inchino, una mossa ampiamente criticata a causa della sua posizione di vertice nel governo austriaco all'epoca e delle critiche rivolte a Putin in Occidente a causa delle violazioni dei diritti umani e delle accuse di interferenze russe nelle elezioni statunitensi.

Quando un voto di sfiducia ha destituito il governo del Primo Ministro Sebastian Kurz, ha lasciato l'incarico politico e successivamente ha iniziato a collaborare con l'emittente governativa russa RT, ex Russia Today.

Secondo i media, nel 2021 sarebbe stata nominata nel consiglio di amministrazione di Rosneft, una società di raffinazione e distribuzione del petrolio.

Dopo aver respinto i rapporti dell'intelligence statunitense che indicavano che il Cremlino stava pianificando un'invasione dell'Ucraina all'inizio del 2022, si è successivamente dimessa da Rosneft nel maggio dello scorso anno.

Da allora, continua a partecipare a conferenze e forum internazionali guidati o sostenuti dalla Russia, come il vertice Russia-Africa tenutosi a San Pietroburgo a luglio, e ha dichiarato di sentirsi un "rifugiato politico".

Pavel Golovkin/Copyright 2018 The AP. All rights reserved.
Russian Foreign Minister Sergey Lavrov walks with Austrian Foreign Minister Karin Kneissl during a meeting in Moscow, Russia. 20 April 2018Pavel Golovkin/Copyright 2018 The AP. All rights reserved.

I compagni di viaggio della Russia in Europa

La Kneissl viene spesso paragonata all'ex cancelliere tedesco Gerhard Schröder, che dopo aver lasciato il governo come leader socialdemocratico di successo nel 2005 ha trascorso la maggior parte del suo tempo a lavorare o a fare pressioni per le più grandi aziende russe, tra cui Gazprom, Rosneft e NordStream AG.

Mentre l'Austria ha in gran parte tagliato i ponti con Kneissl, Schröder continua invece a essere un membro del Partito Socialdemocratico di Germania, attualmente parte della coalizione di governo del Paese guidata dal Cancelliere Olaf Scholz.

Scholz ha guidato uno dei cambiamenti più monumentali della politica tedesca nei confronti della Russia e ha sostenuto la fornitura di armi all'Ucraina, tra cui i carri armati Leopard, ma non ha accettato la richiesta dell'Ue di inserire Schröder nell'elenco delle persone sanzionate.

I privilegi di Schröder in qualità di ex politico tedesco, come lo spazio in ufficio e il personale a Berlino, gli sono stati tolti dopo l'avvio dell'invasione su larga scala dell'Ucraina. Ha avviato una causa contro il Bundestag per ottenere il ripristino di questi servizi.

Altri leader europei, come l'ex primo ministro italiano Silvio Berlusconi, recentemente scomparso, e il primo ministro ungherese Viktor Orban, finiscono spesso nella mailing list di Putin, ricevendo gli auguri ufficiali del Cremlino per Natale e Capodanno.

Secondo un comunicato dell'università di San Pietroburgo, Kneissl guiderà il nuovo centro GORKI, abbreviazione di "Osservatorio geopolitico per le questioni chiave della Russia", che combinerà "il potenziale accademico con l'esperienza nell'attività diplomatica".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Russia torna sulla Luna dopo quasi 50 anni

La ''compagna di ballo'' austriaca di Putin si trasferisce in Russia

Mar Baltico: la revisione dei confini marittimi, "provocazione deliberata" del Cremlino