EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

"Persecuzione politica di Mosca", la denuncia internazionale per la nuova condanna di Alexei Navalny

Image
Image Diritti d'autore Alexander Zemlianichenko/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Alexander Zemlianichenko/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Michela Morsa
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'ulteriore sentenza a 19 anni di pena ricevuta dal principale oppositore politico di Vladimir Putin, già in carcere dal 2021, solleva le proteste della comunità internazionale. Bruxelles chiede il rilascio immediato e senza condizioni

PUBBLICITÀ

La Russia aggiunge un altro capitolo al calvario giudiziario di Alexei Navalny. Il principale oppositore del presidente Vladimir Putin, famoso per le sue denunce contro la corruzione del Cremlino, è stato condannato a 19 anni di carcere per "estremismo". 

Sono tante le voci che denunciano Mosca per l'accanimento giudiziario, visto come persecuzione politica, nei confronti di Navalny, già in carcere dal 2021 per diverse altre condanne. E che si sono nuovamente levate in difesa dell'attivista. 

L'Alto Commissariato delle Nazioni unite per i diritti umani è una di queste. "La nuova condanna inflitta oggi ad Alexei Navalny solleva nuove gravi preoccupazioni sull'accanimento giudiziario e sulla strumentalizzazione del sistema giudiziario a fini politici in Russia".

La condanna è arrivata anche da Bruxelles. "Navalny è stato condannato ad altri 19 anni di carcere per legittime attività politiche e anticorruzione. Questo verdetto è politicamente motivato e dimostra la continua strumentalizzazione del sistema legale russo. L'Ue chiede alla Russia il suo rilascio immediato e incondizionato.", ha scritto su Twitter l'Alto rappresentante per gli affari esteri dell'Unione europea Josep Borrell.

Gli ha fatto eco il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, che su Twitter ha definito la sentenza una farsa inaccettabile, lodando il coraggio di Navalny nel parlare criticamente contro il regime del Cremlino. Una denuncia condivisa dagli Stati Uniti. 

Dopo aver appreso la sentenza dalla colonia penale di Melechova, il carcere di massima sicurezza a 230 chilometri da Mosca dove Navalny sta scontando da giugno 2022 la sua pena a undici anni e mezzo di reclusione per i reati di "frode su vasta scala" e "appropriazione indebita", Navalny ha chiesto ai suoi concittadini di continuare a resistere alla banda di traditori, ladri e furfanti che, secondo lui, sono al potere.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Accordo del grano, segnali di apertura di Mosca dopo la mediazione di Ankara

Russia: mandato di arresto per Yulia Navalnaya, la reazione "Putin è un assassino"

Gli amici di Putin: il primo ministro indiano Modi a Mosca