EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Perché Parigi si è candidata per le Olimpiadi del 2024 dopo gli attacchi degli estremisti?

Anelli olimpici
Anelli olimpici Diritti d'autore Michel Euler/Copyright 2017 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Michel Euler/Copyright 2017 The AP. All rights reserved.
Di Greta Ruffino
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Con il Paese indignato dopo gli attacchi estremisti del 2015, il sindaco di Parigi ha pensato che riportare i Giochi nella capitale francese avrebbe aiutato a risollevare gli animi e a trasmettere un senso di unità che in questo momento sembra perso in Francia

PUBBLICITÀ

Per il sindaco di Parigi, il periodo dei preparativi per i Giochi olimpici del prossimo anno è stato visto come un'opportunità per la Francia di guarire e riprendersi dopo anni di turbolenze.

Dopo che nel 2015 il Paese è stato oltraggiato dal massacro di 17 persone da parte di uomini armati che agivano in nome di Al-Qaeda e del gruppo Stato Islamico, l'idea di organizzare i giochi olimpici ha ridato speranza ai cittadini.

La sindaca di Parigi, Anne Hidalgo, afferma che gli attacchi a Charlie Hebdo, giornale satirico provocatorio, e a un supermercato parigino, sono stati "davvero fondamentali" nell'orientarla verso l'idea di riportare i Giochi nella capitale francese per la prima volta dal 1924.

"Ciò che mi ha davvero spaventato in quel momento è stato sentire i giovani, persino i bambini, dire che i terroristi erano eroi e che Charlie era colpevole di aver spinto la libertà di espressione troppo in là", racconta la Hidalgo, riferendosi a Charlie Hebdo, il giornale che ha ripetutamente fatto la caricatura del profeta musulmano Maometto.

"Mi sono detta che le cose andavano davvero, davvero, davvero male e che dovevamo assolutamente trovare qualcosa che fornisse anche una prospettiva, uno slancio, ai giovani, al Paese. E i Giochi possono essere questo momento unificante".

THOMAS COEX/AFP or licensors
La sindaca di Parigi Anne Hidalgo deposita fiori per la redazione di Charlie HebdoTHOMAS COEX/AFP or licensors

La Francia in mezzo alle turbolenze sociali

Parigi intende sfruttare il suo fascino per stupire il pubblico, a partire da uno spettacolo musicale senza precedenti che si terrà sull'acqua il 26 luglio 2024.

Ma il contesto, in Francia e altrove, è difficile.

I disordini del mese scorso, scatenati dall'uccisione di un adolescente da parte della polizia nei sobborghi di Parigi, hanno messo a nudo le divisioni sociali, razziali e politiche che compromettono l'immagine di una Francia fiduciosa e abile, che gli organizzatori dei Giochi vogliono proiettare.

Prima di queste sei notti di violenza, quest'anno ci sono state anche proteste prolungate contro le riforme pensionistiche del presidente Emmanuel Macron. Nel complesso, i disordini hanno fatto temere ulteriori turbolenze durante i Giochi. A preoccupare sono anche le indagini della polizia francese anti corruzione sull'assegnazione di un numero ristretto di "contratti olimpici".

Gli organizzatori insistono sul fatto che sono in grado di offrire Giochi sicuri e inclusivi, che mirano anche a essere più ecologici che mai, in parte utilizzando sedi esistenti o temporanee invece di costruirne di nuove.

Con una spesa prevista di 8,8 miliardi di euro (9,7 miliardi di dollari), i Giochi dovrebbero costare molto meno dei 15,4 miliardi di dollari spesi da Tokyo per le Olimpiadi del 2021, ritardate dalla pandemia.

In questo momento delicato Parigi ha bisogno che i dadi girino per il verso giusto.

Il regolare svolgimento dei Giochi dipenderà anche dall'affollamento delle reti di trasporto pubblico e dal fatto che i lavoratori dei trasporti non colgano l'opportunità di scioperare per ottenere condizioni migliori.

L'utilizzo dei monumenti parigini come sedi all'aperto offrirà immagini suggestive. Ma gli atleti e gli spettatori potrebbero soffrire se la Francia dovesse subire un'altra delle sue ondate di caldo, in peggioramento.

Inoltre, la cerimonia di apertura prevista per mezzo milione di spettatori, la maggior parte dei quali assisterà gratuitamente, lungo la Senna, ha esigenze di sicurezza impressionanti.

"È in gioco l'immagine della Francia", ha dichiarato all'AP il capo organizzatore dei Giochi Tony Estanguet durante un'intervista.

KENZO TRIBOUILLARD/AFP or licensors
La polizia arresta un uomo a Lille durante le proteste per la morte di NahelKENZO TRIBOUILLARD/AFP or licensors

La Russia sarà esclusa?

Con gli atleti ucraini che dicono di non voler partecipare piuttosto che affrontare i concorrenti della Russia e del suo alleato militare, la Bielorussia, l'ideale del Comitato Olimpico Internazionale dello sport come vettore di unione umana è messo a dura prova.

Hidalgo è tra i sostenitori internazionali dell'Ucraina che spingono per un divieto agli atleti russi. Ma questo non combacia con quello che vorrebbe Thomas Bach, il presidente del Comitato olimpico internazionale (Cio), la cui carriera di schermidore è stata danneggiata dal boicottaggio dei Giochi di Mosca del 1980 dopo l'invasione dell'Afghanistan da parte dell'Unione Sovietica. Bach non poté difendere il suo titolo olimpico a squadre con la Germania Ovest.

PUBBLICITÀ

Il presidente del Cio ha cercato di aggirare il campo minato della geopolitica con un percorso che potrebbe vedere russi e bielorussi qualificarsi come concorrenti neutrali.

Ma questo potrebbe inasprire gli animi a Parigi.

"Se Parigi facesse finta di niente, molti Paesi, molti europei, hanno detto che boicotteranno", avverte Hidalgo. "Manca ancora un anno. Spero davvero che l'Ucraina vinca. Spero davvero che la guerra sia alle spalle".

La Francia ha un anno di tempo per organizzare una celebrazione che completi il percorso iniziato nel 2015 e risponda con forza all'estremismo che ha cercato di mettere a tacere Charlie Hebdo. Parigi è stata nuovamente attaccata nel corso dello stesso anno con gli attentati alla sala concerti Bataclan e ad altri siti, che hanno ucciso altre 130 persone.

"Per noi i Giochi sono stati un modo per guardare avanti e anche per mandare un messaggio, credo, al mondo intero, come a dire: sì, siamo stati attaccati. Sì, abbiamo subito forse alcune delle cose più crudeli", afferma il vicesindaco Pierre Rabadan, responsabile della pianificazione olimpica del Municipio.

PUBBLICITÀ

"Ma voilà", aggiunge. "Non ci arrendiamo, né nel nostro modo di pensare, né nel nostro modo di essere, né nell'accogliere il mondo".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Addio ai monopattini a noleggio, Parigi è stufa di incidenti

Olimpiadi di Parigi 2024: polemiche sulla "sorveglianza biometrica"

VivaTech 2024: l'AI al centro dell'attenzione alla fiera tecnologica francese