EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Baghdad: manifestanti incendiano l'ambasciata svedese

Il fumo esce dall'ambasciata svedese in Iraq alle prime ore dell'alba
Il fumo esce dall'ambasciata svedese in Iraq alle prime ore dell'alba Diritti d'autore Ali Jabar/AP
Diritti d'autore Ali Jabar/AP
Di Cinzia Rizzi Agenzie:  AP, ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La protesta è stata organizzata a poche ore da un nuovo evento in Svezia, durante il quale gli organizzatori hanno minacciato di dare alle fiamme il Corano

PUBBLICITÀ

Era poco prima dell'alba quando dall'ambasciata svedese a Baghdad si è levata una colonna di fumo. Decine di persone stavano manifestando, qualche ora prima di un nuovo evento in Svezia, durante il quale gli organizzatori sarebbero intenzionati a bruciare nuovamente una copia del Corano e una bandiera irachena, come successo già a fine giugno

Video online mostrano i manifestanti nella sede diplomatica, mentre sventolavano bandiere e cartelli raffiguranti l'influente clerico sciita e leader politico Muqtada al-Sadr. Il presidio era stato organizzato proprio dai suoi sostenitori. 

Hanno provato a incendiare l'ambiasciata e a fare irruzione, cercando di sfondare una porta, senza riuscirci. I dimostranti sono stati fermati dalla polizia irachena, in assetto antisommosa, che ha utilizzato gli idranti per disperderli.

Il ministero degli Esteri svedese ha deplorato l'attacco e convocato l'ambasciatore iracheno a Stoccolma, annunciando inoltre che tutto il personale della sede diplomatica era al sicuro.

Anche il ministro degli Esteri iracheno ha condannato "con la massima fermezza" l'incendio, invitando le autorità ad aprire un'inchiesta urgente sull'accaduto: "Il governo iracheno ha incaricato le autorità di sicurezza competenti di condurre un'indagine urgente e di adottare le misure di sicurezza necessarie per scoprire le circostanze dell'incidente e identificare gli autori di questo atto e ritenerli responsabili secondo la legge", si legge nella nota.

Il precedente

Tre settimane fa, un uomo di origine irachena aveva bruciato una copia del Corano davanti a una moschea di Stoccolma. Un gesto autorizzato dalla Polizia, che aveva già approvato un'azione simile da parte di un estremista di destra danese lo scorso gennaio e che aveva scatenato non poche polemiche oltre confine. 

Si era espressa anche Ankara, criticando aspramente l'accaduto. Il fatto non aveva però impedito qualche giorno dopo il tanto atteso via libera del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, per l'ingresso della Svezia nella Nato.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Arabia Saudita: oltre 1.300 morti durante il pellegrinaggio Hajj alla Mecca

Festa per l'Eid al-Adha: migliaia di pellegrini musulmani celebrano i riti finali dell'Hajj

Arabia Saudita: tutto pieno alla Mecca, come è cresciuto l'indotto economico intorno all'Hajj