EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

"El Niño" è tornato. E secondo gli esperti potrebbe portare ai cinque anni più caldi di sempre

Gabbiani che volano sul mare. Marco Ugarte/Copyright 2018 The AP. All rights reserved
Gabbiani che volano sul mare. Marco Ugarte/Copyright 2018 The AP. All rights reserved Diritti d'autore Marco Ugarte/Copyright 2018 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Marco Ugarte/Copyright 2018 The AP. All rights reserved.
Di Greta Ruffino
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'organizzazione metereologica mondiale ha annunciato il ritorno del fenomeno climatico "El Niño", dopo l'ultima volta nel 2016: "Aumenterà notevolmente la probabilità di battere i record di temperatura"

PUBBLICITÀ

El Niño è tornato. L'Organizzazione meteorologica mondiale (Omm) ha dichiarato ufficialmente oggi, 4 luglio, che le condizioni tipiche di questo fenomeno climatico si sono sviluppate nel Pacifico tropicale per la prima volta in sette anni, ponendo le basi per una probabile impennata delle temperature globali.

"L'inizio di El Niño aumenterà notevolmente la probabilità di battere i record di temperatura e di scatenare un caldo più estremo in molte parti del mondo e nell'oceano", ha dichiarato il Segretario Generale dell'Omm, Prof. Petteri Taalas. 

L'impatto dell'attività umana

Verificatosi negli scorsi anni con una frequenza tra i due e i sette anni, El Niño dura di solito 12 mesi

Si tratta di un evento climatico naturale, dovuto al riscaldamento delle temperature superficiali degli oceani nell'Oceano Pacifico tropicale centrale e orientale, ma esacerbato dal cambiamento climatico causato dall'uomo. 

Prima dell'annuncio del 4 luglio, l'Omm aveva dichiarato, nell'ambito di un report rilasciato a maggio, che, con una probabilità del 98%, almeno uno dei prossimi cinque anni, e lo stesso lasso di tempo nel suo totale, saranno i più caldi in assoluto, superando le temperature del 2016, anno caratterizzato a sua volta da una forte presenza de El Niño

Un altro campanello d'allarme del fatto che non stiamo ancora andando nella giusta direzione per limitare il riscaldamento entro gli obiettivi fissati a Parigi nel 2015
Chris Hewitt
Direttore servizi climatici Omm

"Questo non significa che nei prossimi cinque anni supereremo il livello di 1,5°C indicato nell'Accordo di Parigi, che si riferisce al riscaldamento a lungo termine per molti anni", spiega il direttore dei servizi climatici dell'Omm, Prof. Chris Hewitt. 

"Tuttavia, è un altro campanello d'allarme, o un avvertimento precoce, del fatto che non stiamo ancora andando nella giusta direzione per limitare il riscaldamento entro gli obiettivi fissati a Parigi nel 2015". 

Gli effetti di El Niño

Questo fenomeno climatico si identifica agli antipodi de La Niña, che, terminata a inizio 2023, porta, al contrario, al raffreddamento del Pacifico tropicale centrale e orientale. 

El Niño, che deve il suo nome a un gruppo di pescatori sudamericani che per primi notarono periodi di acqua insolitamente calda nell'Oceano Pacifico intorno al 1600, è spesso associato a un forte aumento delle piogge nella parte meridionale del Sud America, degli Stati Uniti, del Corno d'Africa e del Bacino atlantico. 

Al contempo, può causare anche forti ondate di siccità in Australia, Indonesia, parti dell'Asia e del centro nord degli Sati Uniti. 

El Niño mette in pericolo anche la vita marina lungo la costa del Pacifico: in condizioni normali, un fenomeno noto come "risalita" porta acqua fresca e ricca di sostanze nutritive dalle profondità dell'oceano.

Quando si verifica El Niño, questo processo viene soppresso o interrotto completamente: ciò significa meno fitoplancton lungo la costa, con conseguente minor cibo per alcuni pesci.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Piogge torrenziali e inondazioni in Giappone

Giugno da record: il più caldo di sempre

Violenta tempesta in Sudafrica, almeno undici morti: le immagini da Tongaat devastata dal disastro