Migranti, aumentano i flussi in Germania dalla Biellorussia

Immigrati al confine
Immigrati al confine Diritti d'autore Euronews
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Viaggio al confine anche con la Polonia tra i disperati che si avventurano nei fiumi e nelle paludi e scavalcano muri

PUBBLICITÀ

Chiedono di ripristinare i controlli alla frontiera, al confine con la Polonia: gli Stati federali tedeschi sollevano la questione dei migranti, sempre più numerosi in arrivo in Europa dall'Africa e dal Medio Oriente  attraverso la "rotta bielorussa".

Anna Michalska, portavoce della Guardia di frontiera, spiega che quelli che arrivano  in Germania non provengono solo dalla Polonia, ma anche dai Paesi Baltici. "Spesso sono passate dalla Russia o dalla Biellorussia, hanno ancora i visti rilanciati da poco. Abbiamo anche informazioni dalla parte lettone e lituana, che molti stranieri che hanno attraversato illegalmente il confine dalla Bielorussia sono in centri di accoglienza. Al confine tra Polonia e Lituania, abbiamo fermato il doppio degli immigrati rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente".

Volontari sono pronti ad aiutare i più fragili al confine tra Polonia e Bielorussia. Tra loro, Michal Wolny, della Fondazione Ocalenie, si sta preparando per un altro viaggio nella foresta, riempie lo zaino di aiuti umanitari. "Dopo l'inverno, si intensificano questi viaggi della speranza e quindi i nostri interventi. Il nostro gruppo ne ha garantiti 4 in 24 ore".

Disperati cercano di scavalcare il muro alla frontiera o persino si avventurano in percorsi più difficili tra fiumi e paludi. Una donna racconta che dalCamerun ha preso un aereo della Russia ma è diretta in Francia. "Ottenereun visto diretto non è per niente facile dal nostro Paese, quindi prendiamo tutte le strade possibili per arrivare a Parigi e dintorni, e con tutti i rischi possibili". Dopo aver attraversato il confine a piedi, migranti sono rimasti nella foresta polacca anche per tre giorni, sognando comunque una vita migliore. "Ho lasciato il mio Paese perché c'è la guerra e non c'è stabilità. Io, tutti stiamo cercando una vita migliore...", rimarca uno di loro.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Migranti, accordo tra i ministri europei sulle nuove regole

Crisi diplomatica Berlino-Mosca: la Germania ordina alla Russia di chiudere i suoi consolati

Amministrative in Polonia: agli exit poll tiene la Coalizione Civica ma è PiS il primo partito