EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Borrell esorta l'Europa a mandare armi a Kiev

Kuleba e Borrell
Kuleba e Borrell Diritti d'autore Christine Olsson/Christine Olsson/TT
Diritti d'autore Christine Olsson/Christine Olsson/TT
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Il capo della diplomazia europea invita gli Stati dell'UE ad "accelerare" le loro consegne di armi alle forze armate ucraine

PUBBLICITÀ

Sabato il capo della diplomazia europea Josep Borrell ha invitato gli Stati dell'UE ad "accelerare" le  consegne di armi all'Ucraina e fornire loro munizioni di artiglieria a lungo raggio per rispondere al fuoco russo. "Gli ucraini hanno esigenze specifiche. I russi li stanno bombardando da lontano, quindi devono avere la capacità di raggiungere la stessa distanza, la stessa portata": ha spiegato dopo un colloquio con il capo della diplomazia ucraina Dmytro Kuleba a Stoccolma.

Altri armamenti da Londra

Il governo britannico ha annunciato nei giorni scorsi la fornitura di missili da crociera Storm Shadow. Mosca ha ritenuto questa decisione "estremamente pericolosa" perché queste armi possono colpire a una distanza di 500 km. “I temi principali della mia conversazione odierna con i ministri degli Esteri Ue saranno le munizioni di artiglieria a lungo raggio e i colloqui di adesione a breve termine”, ha spiegato il ministro ucraino, invitato a partecipare alla riunione dei ministri degli Esteri europei e dei loro omologhi dei Paesi del Regione indo-pacifica. "Invece di chiedere quando inizierà la controffensiva, tutti dovrebbero chiedersi se hanno fatto abbastanza perché la controffensiva ucraina parta e abbia successo", ha detto prima dell'incontro con Josep Borrell.

La situazione sul campo

"Dmytro Kuleba ci ha spiegato la situazione sul campo. Nella regione di Bakhmout (est, epicentro dei combattimenti con le forze russe, dove Kiev avrebbe colto dei successi), l'Ucraina ha bisogno di circa 1.000 proiettili di artiglieria al giorno (...) questo dà un'idea dell'intensità dei combattimenti", ha  commentato il capo della diplomazia europea. "Stiamo fornendo armi e munizioni, ma dobbiamo accelerare le consegne e ricostituire le nostre scorte", ha insistito, accogliendo con favore i 2,7 miliardi di euro di aiuti militari concessi dalla Germania a Kiev. Il fatto che l'Ucraina non abbia recuperato la sua sovranità su tutto il suo territorio non è un motivo per ritardare la consegna delle armi, ha aggiunto Borrell.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Josep Borrell dallo Stato dell'Unione: "Più capacità di difesa e stop all'unanimità sugli Esteri"

Borrell sull'Ucraina: "Servono più armi. Pronto un altro miliardo UE"

Stoltenberg: "è nostro diritto sostenere l'Ucraina"