EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Pasqua: decine di prigionieri di guerra rilasciati da Ucraina e Russia

Mosca e Kiev si scambiano i prigionieri durante la Pasqua ortodossa
Mosca e Kiev si scambiano i prigionieri durante la Pasqua ortodossa Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Celebrazioni della Pasqua ortodossa durante la guerra. Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev

PUBBLICITÀ

È festa, almeno per un gruppo di prigionieri della guerra russo-ucraina.

È scambio tra Russia e Ucraina in occasione della Pasqua ortodossa: la Russia ha liberato circa 130 ucraini, mentre non è ancora chiaro quanti prigionieri Kiev abbia rilasciato in cambio.

Prigionieri rilasciati per Pasqua

Lo scambio pasquale è stato preceduto da un altro avvenuto lunedì, in cui oltre 200 tra russi e ucraini erano stati liberati.

Yevgeny Prigozhin, il leader dei mercenari russi del gruppo Wagner, che combattono assieme a Mosca, ha pubblicato un video in cui mostra i prigionieri ucraini che stanno per essere liberati.

"Stiamo riportando indietro 130 dei nostri" ha annunciato Andriy Yermak, il capo di gabinetto del presidente ucraino Volodymyr Zelensky. 

Ha aggiunto che diversi soldati rilasciati facevano parte delle le truppe catturate nelle battaglie nell'est dell'Ucraina, anche vicino alle città di Bakhmut e Soledar.

Chiesa ortodossa: la guerra, anche di religione

In Ucraina le celebrazioni della Pasqua ortodossa sono state limitate a causa dei rischi per la sicurezza.

I residenti della città ucraina di Staryi Saltiv, liberata dalle forze russe alla fine di aprile del 2022, hanno celebrato la Pasqua tra le rovine. 

Prima dell'invasione russa, Staryi Saltiv era uno dei villaggi turistici più popolari della regione di Kharkiv, con un lago artificiale, molti centri ricreativi e cottage estivi. Ma la città ha subito notevoli distruzioni ed è in gran parte deserta. La Chiesa è stata gravemente danneggiata durante l'occupazione. Il suo pavimento è disseminato di detriti, tra cui le rovine di un enorme lampadario. Un gigantesco foro lascia entrare la luce al di sopra, al posto della cupola. Per questo motivo, la funzione pasquale si è dovuta tenere nel seminterrato, dove i residenti locali si sono nascosti durante i bombardamenti della scorsa primavera.

Un'altra funzione si è tenuta presso la Casa della Cultura regionale, nel villaggio di Tsirkuny, che ora è diventato un centro umanitario. Lì, dopo l'invasione russa, molti residenti si rifiutano di frequentare la chiesa del Patriarcato di Mosca. 

"Il Patriarcato di Mosca è stato un'occupazione spirituale dell'Ucraina", ha dichiarato l'arciprete Oleg Kozub, rettore della chiesa di San Mykolaevsky della Chiesa ortodossa di Ucraina a Tsirkuny. 

"Dobbiamo avere la nostra Chiesa ortodossa ucraina! Non posso dire di più. In Ucraina, la Chiesa ucraina, e basta", ha detto la residente Tamara Alekseenko.

Il Patriarca di Mosca

La Chiesa ortodossa ucraina (UOC), rimasta fedele al Patriarca di Mosca dal XVII secolo, ha dichiarato l'indipendenza dal Patriarcato di Mosca dopo l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia

Il Patriarca di Mosca ha deplorato la ''guerra nella storica terra russa", facendo eco alla narrazione bellica del Cremlino. 

"Sono eventi tristi, che possono anche essere descritti come una faida interna, e si stanno ora verificando nella nostra storica terra russa - ha detto il Patriarca di Mosca - Oggi mi rivolgo a russi e ucraini, in particolare a coloro che sono stati coinvolti in questo conflitto contro la loro volontà: con la forza della nostra preghiera, delle nostre buone azioni e delle nostre buone intenzioni, dobbiamo fare di tutto per fermare questo conflitto il prima possibile, in modo che la pace e la buona convivenza, e forti legami fraterni tra il nostro popolo, che era una nazione ad un certo punto, si rinnovino."

Il presidente russo Vladimir Putin ha partecipato alla funzione per la Pasqua ortodossa nella Cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca officiata dal Patriarca Kirill. In abito scuro e con un cero in mano, Putin ha assistito alla funzione insieme al primo cittadino di Mosca, Sergei Sobyanin.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, si registrano battaglie assai cruente nell'area orientale del Paese

Ucraina: a Kharkiv morti e feriti, centrale nucleare di Zaporizhzhia rimasta con una linea elettrica

La Russia propone una modifica unilaterale dei confini nel Mar Baltico