Il quartiere a luci rosse di Amsterdam potrebbe essere spostato in periferia

Vista del quartiere a luci rosse di Amsterdam
Vista del quartiere a luci rosse di Amsterdam Diritti d'autore AP Photo/Peter Dejong
Diritti d'autore AP Photo/Peter Dejong
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'amministrazione comunale di Amsterdam ha proposto il trasferimento del quartiere a luci rosse, simbolo storico della città, in una zona periferica. Decine di residenti e giovani lavoratrici si sono opposti al piano mirato a ripulire Amsterdam dalla fama di "città del peccato".

PUBBLICITÀ

È uno dei simboli del centro storico di Amsterdam, ma ora la sindaca vorrebbe trasferire il quartiere a luci rosse in periferia creando un grande centro erotico e sconvolgendo il futuro dei residenti e delle prostitute.

I residenti di Amsterdam si sono inaspettatamente schierati con le sex worker della città, opponendosi alla sindaca Femke Halsema. La questione è diventata una battaglia chiave per il futuro della città, mentre l'amministrazione comunale cerca di liberarsi dell'immagine di "città del peccato" e di attenuare l'impatto del turismo di massa. 

Durante un'udienza pubblica decine di oppositori del progetto hanno affrontato la sindaca di Amsterdam. "Non vogliamo alcun disturbo", dice Stan Czerske, un residente di una delle località in cui si pensa di realizzare il nuovo centro, "ci sono scuole nella zona e bambini molto piccoli". 

Peter Dejong/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Il quartiere a luci rosse di AmsterdamPeter Dejong/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved

Un'altra delle persone che si oppongono al progetto è "Michelle", una giovane prostituta, che insieme ad altre donne, è preoccupata per il proprio futuro, per le condizioni lavorative e la propria incolumità. "Il sindaco dice che siamo solo un'attrazione turistica. Questo non è vero", ha spiegato.

La reputazione delle aziende

Poi ci sono le aziende internazionali con base ad Amsterdam, come l'Agenzia internazionale del farmaco. Il malessere subito dagli istituti, però, sarebbe causato da una possibile "danno" alla loro reputazione, visto che il centro eroitco dovrebbe nascere nel quartiere in cui si trovano alcune delle aziende.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Amsterdam, la prima galleria al mondo di Intelligenza Artificiale

La comunità LGBTQ+ italiana denuncia attacchi del governo ai diritti dei genitori dello stesso sesso

Rendez-vous, il meglio della cultura in Europa: Paesi Baschi, Bordeaux e Amsterdam