Corsa al riarmo in Europa: boom delle spese militari

Boom delle spese militari per i paesi del Vecchio continente
Boom delle spese militari per i paesi del Vecchio continente Diritti d'autore Vadim Ghirda/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Vadim Ghirda/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Francia investirà 423 miliardi in sette anni. L'aggressione russa dell'Ucraina ha scatenato il "bisogno di sicurezza" nei paesi del Vecchio continente

PUBBLICITÀ

La guerra in Ucraina sta facendo lievitare i bilanci per le spese militari dei paesi del vecchio continente.

La Francia ha annunciato che nei prossimi sette anni investirà 413 miliardi di euro nellla difesa. Il budget annuale passerà dai 32 miliardi del 2017 a 69 miliardi nel 2030, oltre il doppio.

La deterrenza nucleare sarà uno dei centri di costo chiave di questo aumento di bilancio, con la costruzione di una portaerei a propulsione nucleare di nuova generazione. Il governo Macron vuole investire anche in mezzi di difesa informatica, spaziale e sottomarina.

Sebastien Lecornu, ministro francese della Difesa, ha dichiarato: "È l'aggressione russa a scatenare il bisogno di sicurezza nella maggior parte dei partner dell'Europa continentale. La neutralità dovrebbe far riflettere i commentatori e le autorità russe. Paesi che hanno scelto una cauta neutralità per decenni ora decidono di rompere con la neutralità, e lo fanno per paura".

Come la Francia, anche il resto dell’Europa è alle prese con la corsa agli armamenti.

La Polonia ha annunciato che investirà il 4 per cento del Pil nella difesa.

Questa spesa senza precedenti includerà massicci acquisti di aerei da combattimento e carri armati dagli Stati Uniti e dalla Corea del Sud e droni dalla Turchia.

Ma, senza dubbio, la più grande rivoluzione militare è quella della Germania, che nel pieno dell'invasione russa dell'Ucraina ha annunciato un aumento di 100 miliardi di euro del suo budget militare per il 2022 da destinare alle forze armate.

Significativi aumenti delle spese per la difesa sono stati annunciati anche dai paesi baltici, dalla Svezia, che attende di entrare nella Nato dopo decenni di neutralità, dall'Italia e dal Regno Unito.

E la tendenza non è solo europea, ma mondiale: Australia, Corea del Sud e Giappone si riarmano in un clima di tensione militare che ricorda la Guerra Fredda.

LEGGI ANCHE:Ucraina, nuovi carri armati da Regno Unito e Germania

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Aumentano le armi nucleari nel mondo. In testa alla classifica Russia e Cina

Repubblica Ceca: armi per l'Ucraina grazie al crowdfunding

Guerra in Ucraina: colpite infrastrutture energetiche in Russia, almeno due morti a Belgorod