I debitori europei della Russia possono pagare i danni di guerra in Ucraina?

Una imagen de las instalaciones de la empresa ucraniana de Chezara de Chernihiv.
Una imagen de las instalaciones de la empresa ucraniana de Chezara de Chernihiv. Diritti d'autore Chezara
Diritti d'autore Chezara
Di Marta Rodriguez MartinezOleksiy Semenchenko
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Una società ucraina vuole ottenere un risarcimento dalle aziende occidentali che prima facevano affari con la Russia e che non possono pagare Mosca a causa delle sanzioni

PUBBLICITÀ

"Siamo i primi in Ucraina ad aver intrapreso una nuova strada per recuperare denaro o risarcimenti dalla Federazione Russa".

A parlare è Vitaliy Kucherenko, direttore generale di Chezara, un'azienda ucraina di oltre 15.000 dipendenti, specializzata in elettronica spaziale.

Con quasi sei decenni di storia, Chezara rappresentava un importante motore dell'economia locale nella città settentrionale di Chernihiv.

"È stata un'impresa attorno alla quale si è organizzata la moderna città di Chernihiv. Era un'impresa che rappresentava un motore per l'economia del territorio" dice Kucherenko.

Tuttavia, mesi di attacchi russi hanno danneggiato profondamente la produzione e le infrastrutture: "C'è stato un giornoin cui ci hanno colpito dalla mattina alla sera, il territorio attorno allo stabilimento è stato inequivocabilmente preso di mira".

Ora sono rimasti circa 300 dipendenti. Le perdite ammontano a 530 milioni di euro. E qui si pone la domanda più pressante. Dove trovare questi soldi?

Vitaliy Kucherenko ha individuato una soluzione: "La Russia non accetta di pagare i risarcimenti, non accetta di pagare i danni. Ma ci sono imprese, Stati, gruppi che devono alla Russia del denaro o altre cose. Il diritto internazionale non vieta di cedere questi debiti con un accordo di cessione. Queste normali imprese europee, gli Stati possono pagarci, a fronte di un debito che hanno nei confronti della Russia".

In sostanza, l'idea è quella di ottenere il denaro dovuto dalle aziende occidentali, che in precedenza facevano affari con la Russia e che non possono ripagare i debiti a causa delle sanzioni.
Per farlo, Chezara deve prima portare il caso in tribunale in Ucraina, e vincere. Poi deve essere riconosciuta nei Paesi in cui vuole chiedere i soldi: Italia, Germania, Polonia e Francia. Gli esperti ritengono che ciò sia possibile, ma c'è un grosso ostacolo: l'immunità di Stato".

Holger Hestermeyer, professore di diritto internazionale e dell'Unione europea, spiega: "L'idea generale è che gli Stati siano uguali e che, quindi, i tribunali di uno Stato non possano giudicare un altro Stato. Di solito, nei casi in cui si fa causa a un altro Paese, quest'ultimo rivendica l'immunità e la causa finisce lì. Ora l'immunità non è più assoluta".

Gli avvocati di Chezara sosterranno che la Russia è esente dall'immunità a causa di una risoluzione delle Nazioni Unite. La decisione riconosce che l'immunità non può essere applicata quando un Paese viola gravemente i diritti umani garantiti a livello internazionale.

"L'Ucraina è stata finora molto diligente nel tracciare una strategia legale. E non direi che fin dall'inizio non c'è alcuna possibilità" dichiara Hestermeyer.

"Se non funziona, aspetteremo, come tutti, la vittoria dell'Ucraina e i risarcimenti" conclude Kucherenko.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Uranio impoverito nei proiettili dei nuovi carri armati in Ucraina, quali sono i rischi

Guerra in Ucraina: tre missili russi colpiscono la città di Chernihiv, almeno 14 morti e 61 feriti

Guerra in Ucraina, Mosca avanza sul fronte orientale. Zelensky: "alleati ci difendano come Israele"