Afghanistan, nelle università ancora banchi vietati per le studentesse

Scuole in Afghanistan
Scuole in Afghanistan Diritti d'autore AP Photo
Di Debora Gandini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Alle donne è ancora vietato frequentare gli atenei, una delle tante restrizioni da quando i talebani sono tornati al potere nell’agosto del 2021

PUBBLICITÀ

In Afghanistan le università hanno riaperto dopo la lunga pausa invernale ma gli studenti hanno trovato parecchi banchi vuoti. Alle donne è ancora vietato frequentare gli atenei, una delle tante restrizioni da quando i talebani sono tornati al potere nell’agosto del 2021.E tra le giovani studentesse regna un sentimento di incomprensione e tristezza. 

Mansoor Sadr, studente di giornalismo presso l'università privata racconta di "Non aver mai avuto alcun problema con le ragazze, o sorelle. Loro hanno classi separate da noi, ma noi pensiamo che anche se studiavano da sole dovevano essere felici. Studiavano con il buon umore".

Un altro studente, Ebratullah Rahimi, dice che sua sorella sta cercando di studiare a casa. “Mi ha detto “devi insegnarmi l'inglese e devi insegnarmi informatica ma non è così abbastanza per lei."

Le donne hanno potuto continuare a studiare in aule separate dalle studentesse fino allo scorso dicembre. Secondo il ministro dell'istruzione non hanno rispettato l'obbligo di indossare il velo integrale e non erano sempre accompagnate da un membro maschio della loro famiglia, come richiesto.

Ulteriore stretta all'istruzione delle donne nell'Afghanistan dei Talebani

Il governo di Kabul ha introdotto il divieto a tempo indeterminato dell'accesso all'Università a tutte le donne afghane, da tempo già escluse dalla maggior parte delle scuole secondarie.

La decisione giunge meno di tre mesi dopo che migliaia di ragazze hanno sostenuto gli esami di ammissione alle Università, in tutto il Paese, con molte aspiranti studentesse soprattutto nelle facoltà di ingegneria e medicina.

In Afghanistan, le donne sono già escluse da tempo da molti posti di lavoro governativi oppure ricevono uno stipendio, ridotto, pur di farle restare a casa.

A novembre è stato vietato loro di frequentare parchi, palestre e bagni pubblici (gli hamman), anche se accompagnate da parenti maschi.

Il nemico dell'istruzione femminile

Ad opporsi all'istruzione scolastica delle ragazze è soprattutto il nuovo ministro dell'Istruzione del governo talebano, Neda Mohammad Nadim, ex governatore e comandante militare, esponente della linea dura religiosa, che ha definito l'istruzione femminile "non islamica" e contraria ai valori afghani.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Afghanistan: sopravvivono in quattro allo schianto dell'aereo

Nuovo terremoto colpisce l'Afghanistan. Danni alle strutture ma non ci sono vittime

Terremoto in Afghanistan, nuova scossa 6.3 nella provincia di Herat: 700 case distrutte a Chahak